Immissioni in ruolo supplenti docenti e ATA oltre 36 mesi: il 18 ottobre si esprimerà la Cassazione

di redazione
ipsef

La Cassazione è stata chiamata ad esprimersi sull'abuso di precariato. Il 18 ottobre 2016 è stata infatti calendarizzata una udienza sulle supplenze reiterate svolte da docenti e personale Ata.

La Cassazione è stata chiamata ad esprimersi sull'abuso di precariato. Il 18 ottobre 2016 è stata infatti calendarizzata una udienza sulle supplenze reiterate svolte da docenti e personale Ata.

Lo scopo – si legge nell'avviso – è quello di assicurare uniformi linee interpretative in materia", dopo la recente pronuncia con la quale la Corte Costituzionale ha dichiarato l'illegittimità del rinnovo illimitato delle supplenze, ritenendo però che la normativa contenuta nella 'Buona scuola' sanasse già le pretese dei richiedenti.

La scorsa settimana – risporta l'ANSA- la Consulta ha dichiarato l'illegittimità della normativa che disciplina le supplenze del personale docente e del personale amministrativo, tecnico e ausiliario nella parte in cui "autorizza, in violazione della normativa comunitaria, il rinnovo potenzialmente illimitato di contratti di lavoro a tempo determinato per la copertura di posti vacanti e disponibili di docenti nonché di personale Ata, senza che ragioni obiettive lo giustifichino".

Ma allo stesso tempo è giunta alla conclusione che, "per quanto riguarda i docenti, il programma straordinario di assunzione attraverso o lo scorrimento della graduatoria o concorsi riservati costituisca quella misura adeguata che la Corte di Giustizia europea ritiene indispensabile. Per quanto riguarda invece il personale ATA, in mancanza di un analogo intervento straordinario, non rimane che il risarcimento del danno, risarcimento del resto espressamente preso in considerazione dalla normativa in questione (legge n. 107 del 2015).

Si presume quindi che anche la Cassazione si esprimerà in questa direzione.

Per leggere gli approfondimenti sulla sentenza della Consulta

Abuso precariato. Corte Costituzionale: è illegittimo, via libera ai risarcimenti danni. Anief: pronti i ricorsi. La nota della Consulta

Abuso contratto a tempo determinato, sentenza attesa per fine luglio. Cosa accade ora? Intervista all'Avv. De Michele con info supplenze 36 mesi

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione