Supplenze docenti e ATA, delega a persona di fiducia o a dirigente responsabile

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Supplenze docenti e ATA: delega a persona di fiducia o al dirigente responsabile delle operazioni.

Il personale docente, che non può essere presente alla convocazioni per l’attribuzione delle supplenze, può ricorrere all’istituto della delega.

Cos’è e chi si può delegare

La delega consente di farsi rappresentare in fase di convocazione per l’attribuzione delle supplenze e quindi di conseguire la supplenza pur non essendo fisicamente presenti.

La delega è valida sia nella fase di competenza degli Uffici territoriali (USP) che nella successiva fase di competenza dei dirigenti scolastici delle scuole di riferimento (scuole polo).

La circolare sulle supplenze rinvia a quanto previsto dall’articolo 3, comma 2, del Regolamento sulle supplenze adottato con D.M. n. 131/07, che così disposizione:

Hanno titolo a conseguire le supplenze mediante l’accettazione scritta della relativa proposta di assunzione gli aspiranti, utilmente collocati in graduatoria, presenti alla convocazione, personalmente o tramite persona munita di specifica delega, e gli aspiranti che abbiano fatto pervenire, nei tempi previsti, delega preventiva di accettazione al dirigente responsabile delle operazioni in questione.

La delega dunque si può conferire sia a persona di fiducia (allegando anche la copia della propria carta di identità) che al dirigente responsabile delle operazioni. In quest’ultimo caso la delega va inviata secondo i tempi indicati dall’Ufficio medesimo.

Quanto detto è previsto dal Regolamento per l’attribuzione delle supplenze dalle GaE.

Delega e graduatorie di istituto

Da qualche anno, in diverse province, le convocazioni dalle graduatorie di istituto, considerato il numero elevato di supplenze al 30/06 o al 31/08 conferite dalle stesse, si stanno svolgendo in maniera unificata.

Nel corrente anno scolastico, inoltre, il Miur ha avviato una procedura informatizzata.

Quanto alle convocazioni unificate in presenza, sebbene non previsto dal Regolamento, l’istituto della delega potrebbe essere applicato, consentendo a chi è impossibilitato ad essere presente di poter ottenere l’incarico al 30 giugno o 31 agosto.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione