Supplenze docenti e ATA: come controllare chi è stato nominato finora e con quale punteggio

Stampa

Supplenze docenti e personale ATA: come controllare chi ha ricevuto la supplenza nella quale avevamo tanto sperato? Le scuole hanno l’obbligo di pubblicare i dati relativi ai contratti stipulati per supplenze durante tutto l’anno scolastico nell’albo pretorio online.

Dal 1° gennaio 2011 la legge 69/2009 obbliga tutte le pubbliche amministrazioni (comprese le Scuole) a pubblicare online tutti gli atti che precedentemente venivano pubblicati nel vecchio albo cartaceo.

A partire da tale data gli obblighi di pubblicazione degli atti e dei provvedimenti amministrativi si intendono assolti con la pubblicazione sui rispettivi siti istituzionali. La forma cartacea rimane solo in originale mentre è fatto espressamente obbligo di pubblicare sul sito internet istituzionale tali documentazioni.

La sezione del sito si chiama “Pubblicità legale”

Pertanto, tutto ciò che il personale ATA  e docente prima controlla girando (per ovvi motivi al momento l’accesso agli utenti esterni è fortemente limitato) e telefonando alla singola scuola, adesso è visionabile  attraverso un’apposita sezione del sito delle scuole denominata “Albo pretorio”, all’interno di “Pubblicità legale”

Su quest’ultimo vengono pubblicati i contratti stipulati per le supplenze, sia del personale ATA che docente.

Alcune scuole sono più accurate e pubblicano il nome del docente sostituito e la posizione occupata nella graduatoria da cui è avvenuta la nomina e il punteggio del docente supplente (altri tralasciano questi particolari importanti).

In questo modo sarà possibile anche intervenire in eventuali errori nell’attribuzione delle supplenze, nonché essere sufficientemente informati della posizione occupata di volta in volta nelle scuole scelte.

Link convocazioni

Ancora una volta mettiamo in evidenza che docenti e ATA lamentano il mancato funzionamento del link utilizzato per le convocazioni.

Supplenze perse perché scuola non visualizza risposta al link della convocazione. Un altro problema per i precari

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur