Supplenze docenti al 30 giugno 2024, posti liberati dalle assegnazioni provvisorie e di sostegno in deroga entrano nell’algoritmo

WhatsApp
Telegram

Nella seconda parte di agosto inizieranno ad arrivare i primi esiti per quanto riguarda le supplenze da Gae e Gps. Bisogna sapere che con i posti da coprire saranno tantissimi, soprattutto per quanto riguarda le supplenze al 30 giugno. Su quali posti si assegneranno le cattedre ai precari?

Supplenze al 30 giugno 2024: sui posti liberati dalla mobilità annuale e i posti in deroga sul sostegno

Intanto partiamo dalla domanda delle domande: quante saranno le supplenze al 30 giugno 2024? Si tratta di tutti i posti in organico di fatto che è necessario coprire fino al termine delle attività didattiche.

Tra queste, subito da evidenziare quelle su posti di sostegno in deroga, che nel 2023/24 potrebbero sfiorare le 100mila.

E’ stato lo stesso Ministro Assunzioni sostegno, Valditara: “In arrivo 18 mila nuovi docenti in ruolo. Ma ancora 100 mila posti in deroga. Serve un piano per ridurre il precariato”.

Poi, le supplenze assegnate ai precari fino al termine delle attività didattiche saranno sui posti liberati dalle assegnazioni provvisorie.

Posti di sostegno in deroga

Una grossa quota, come dicevamo, è quella relativa ai posti in deroga sul sostegno. Sui posti di sostegno in deroga – proprio per la loro natura aggiuntiva – non è possibile stipulare contratti a tempo indeterminato. I posti saranno coperti, come purtroppo da numerosi anni ormai, con supplenze al 30 giugno.

Ma perché ogni anno queste cattedre in deroga ai precari?

Bisogna prima di tutto fare riferimento alla sentenza della Corte Costituzionale n. 80 del 26.2.2010 che ribadisce il diritto fondamentale del disabile all’istruzione la cui fruizione va assicurata attraverso misure di integrazione e sostegno idonee e che sancisce l’illegittimità dell’art. 2, commi 413 e 414 della Legge 24.12.2007 n. 244, nelle parti in cui fissa un limite massimo al numero dei posti degli insegnanti di sostegno ed esclude la possibilità di assegnare insegnanti di sostegno in deroga alle classi in cui sono presenti studenti in situazione di grave disabilità;

Considerato che, in conformità a tale pronuncia, l’art. 19, comma 11, del Decreto-Legge 6.7.2011, n. 98 (convertito, con modificazioni, in Legge 15.7.2011, n. 111), nel sancire che “l’organico di sostegno è determinato secondo quanto previsto dai commi 413 e 414 dell’articolo 2 della legge 24 dicembre 2007, n. 244”, tiene fermo il principio secondo cui “è possibile istituire posti in deroga, allorché si renda necessario per assicurare la piena tutela dell’integrazione scolastica”;

Vista la sentenza del Consiglio di Stato n. 2023/2017 del 3.5.2017 che, nell’operare una completa ricostruzione della fattispecie, ribadisce il ruolo fondamentale degli insegnanti di sostegno la cui attività “comporta evidenti vantaggi non solo per i disabili, in un quadro costituzionale che impone alle Istituzioni di favorire lo sviluppo della personalità, ma anche per le famiglie e per la società nel suo complesso”, stabilendo, quanto alle assunzioni ‘in deroga’ degli insegnanti di sostegno, che “gli Uffici scolastici devono senz’altro disporle, affinché i dirigenti scolastici – al termine dei relativi procedimenti e in tempo utile – attribuiscano ai singoli alunni disabili le ore di sostegno determinate dal G.L.H.O”;

Ordine attribuzione supplenze

Ordine assegnazione supplenze GPS

Ai fini dell’assegnazione delle supplenze al 30/06 e al 31/08 si scorrono prima le GaE e, in caso di incapienza o esaurimento delle stesse, si passa alle GPS da cui si attingerà nell’ordine seguente:

  1. GPS prima fascia
  2. elenchi aggiuntivi alla prima fascia
  3. fascia 1 C e 1 D per aspiranti con titolo estero in attesa di riconoscimento
  4. GPS seconda fascia

Lo speciale di Orizzonte Scuola sulle supplenze

È possibile inviare un quesito all’indirizzo [email protected] (non è assicurata risposta individuale ma la trattazione di tematiche generali)

È possibile seguire gli aggiornamenti tramite il tag Graduatorie di istituto e Supplenze

WhatsApp
Telegram

Prova orale concorso docenti secondaria 1° e 2° grado: come affrontarla in maniera efficace. III edizione, con esempi e UdA