Supplenze docenti 2023: se si sceglie il distretto o Comune il sistema assegna la “prima scuola disponibile”

WhatsApp
Telegram

Supplenze docenti anno scolastico 2023/24: a volte ci si contende una stessa cattedra, per tanti motivi sia di tipo professionale (continuità didattica, relazioni nel contesto scuola, ambiente di lavoro sereno) sia privati (vicinanza al domicilio, possibilità di poter gestire i vari impegni quotidiani). Il Dirigente dell’Ufficio Scolastico di Ascoli Piceno ci propone un esempio sul quale vale la pena riflettere.

Oltre alla riserva dei posti e alla precedenza per legge 104, bisogna fare esplicito riferimento alla modalità con cui la domanda è stata compilata.

Nella maggior parte dei casi infatti è stato rilevato che l’algoritmo ha funzionato correttamente, sulla base dei criteri rigidi e ben precisi imposti dall’OM n. 112 del 6 maggio 2022.

Si deve porre invece l’attenzione alle preferenze sintetiche

Le preferenze sintetiche

In caso di indicazione di preferenze sintetiche, l’ordine di preferenza delle istituzioni scolastiche all’interno del comune o del distretto è effettuato sulla base
dell’ordine alfanumerico crescente del codice meccanografico e che la mancata indicazione di talune sedi è intesa quale rinuncia per le sedi non espresse (Allegato 3 pp.
7-8-9-10 Guida operativa “Supplenze 2022-23_focus sulla scelta delle preferenze”).

Pertanto, qualora l’aspirante alla supplenza non abbia espresso preferenze per tutte le sedi e per tutte le classi di concorso/tipologie di posto cui abbia titolo e al proprio turno
di nomina non possa essere soddisfatto in relazione alle preferenze espresse, sarà considerato rinunciatario con riferimento alle sedi e alle classi di concorso/tipologie di
posto per cui non abbia espresso preferenza

Docente che sceglie scuola specifica e docente che sceglie quella scuola nella preferenza sintetica

È importante sapere – precisa il documento dell’Ufficio Scolastico di Ascoli Piceno – che, quando si esprime una preferenza sintetica, la procedura attribuisce il posto analizzando le disponibilità sulle scuole appartenenti a quel
comune/distretto in ordine alfanumerico crescente dei codici meccanografici di tutte le scuole incluse in quel comune/distretto.

Ne consegue, pertanto, che la scelta puntuale di una Scuola permette l’assegnazione dell’Istituto specifico, reclamato spesso da chi, avendo effettuato una scelta su Comuni o
Distretti e pur occupando una posizione in graduatoria più favorevole, viene processato con precedenza ma secondo l’ordine alfanumerico crescente dei codici meccanografici e con assegnazione, dunque, della prima scuola “disponibile”.

Supplenze docenti 2023, il secondo bollettino riparte da due posizioni (ultimo nominato e ultimo nominato riservisti), più completamenti spezzoni

Le risposte ai quesiti

È possibile inviare un quesito all’indirizzo [email protected] (non è assicurata risposta individuale ma la trattazione di tematiche generali)

È possibile seguire gli aggiornamenti tramite il tag Graduatorie di istituto e Supplenze

Supplenze docenti 2023/2024, saranno almeno 130mila: bollettini degli Uffici Scolastici, graduatorie di istituto, MAD [LO SPECIALE]

WhatsApp
Telegram

Percorsi abilitanti riapertura straordinaria 60 cfu. Scadenza adesioni 24 giugno. Contatta Eurosofia