Supplenze docenti 2021/22, già più di centomila. A Torino nomine regolari, ancora nessuna risposta a Roma e in tante altre province

Stampa

Supplenze docenti per l’anno scolastico 2021/22: sono più di centomila gli incarichi già attribuiti con scadenza contratto al 31 agosto o 30 giugno 2022 (posti interi o spezzoni). La procedura è stata affidata ad un sistema informatico, il cosiddetto algoritmo, che in alcuni casi ha presentato degli errori.

Si tratta – ha specificato il Ministro Bianchi durante l’audizione al Senato – di 113.544 incarichi già attribuiti, con presa di servizio già effettuata o che si concretizzerà nei prossimi giorni.

Gli esiti già pubblicati

E’ probabile che in tutte le province si riesca a completare le operazioni entro fine settimana. Ricordiamo infatti che in numerose regioni le lezioni prendono avvio lunedì 13 settembre Il calendario scolastico

Come proseguono le operazioni?

Da un lato bisogna distinguere, necessariamente, gli errori nella compilazione della domanda  e le circostanze alle quali non si era riflettuto, dei quali gli aspiranti stanno prendendo consapevolezza solo in questi giorni (ad es. la precedenza dei docenti con riserva legge 68/99, la precedenza nella scelta della sede per legge 104, l’aver rinunciato alle cattedre orario esterno per flag non inserito, la scelta di richiedere lo spezzone per singola scuola e non come ultima opzione dopo la ricerca di incarichi ad orario intero) da quelli che sono stati veri e propri errori di sistema e che in più di una provincia hanno portato alla ripubblicazione degli elenchi o alla sua sospensione in attesa di verifica.

Per la presa di servizio, di conseguenza, si raccomanda di prestare particolare attenzione alle indicazioni fornite dai singoli Uffici Scolastici.

Supplenze da GaE e GPS al 31 agosto e 30 giugno, perché non sono stato nominato? CHIARIMENTI

Gli esiti delle verifiche

Ci limitiamo ad alcune province, consapevoli che il “caos” c’è in tutte e che gli uffici sono al lavoro per le dovute verifiche.

Verifiche che l’Ufficio Scolastico di Torino ha compiuto a campione non ravvisando errori nella attribuzione delle nomine.

“[…] Si precisa che dalla verifica a campione effettuata non sono state riscontrate irregolarità nelle operazioni di conferimento delle nomine a tempo determinato effettuate dalla piattaforma informatica.

In particolare, numerosi candidati hanno lamentato che il sistema abbia nominato aspiranti posti in posizione inferiore rispetto alla loro nella relativa graduatoria di riferimento. Si segnala che, al fine di adempiere alle disposizioni in materia di tutela della privacy, il bollettino contenente gli esiti delle operazioni di nomina è stato pubblicato senza indicare alcun tipo di informazione in merito al possesso da parte degli aspiranti di eventuali titoli di riserva o di agevolazioni ai sensi della L. 104/92. Dai controlli effettuati, nella totalità dei casi esaminati, gli aspiranti posti in posizione inferiore sono stati soddisfatti prioritariamente in quanto riservisti o fruitori delle agevolazioni di cui alla L. 104/92. Dato l’alto numero di istanze pervenute all’Ufficio, al fine di garantire ai candidati che lo desiderino di effettuare un controllo puntuale della propria posizione e al contempo garantire la trasparenza delle operazioni, i bollettini completi, comprensivi delle informazioni relative ai riservisti e al possesso dei requisiti di cui alla L. 104/92, sono state trasmessi a tutte le Istituzioni Scolastiche della Città Metropolitana di Torino: gli aspiranti potranno, pertanto, Loro rivolgersi per la verifica puntuale dei suddetti aspetti.”

Questo naturalmente non vuol dire che ogni aspirante non debba avere la possibilità di capire i motivi dell’eventuale assenza di nomina, e di segnalare quelli che secondo lui sono gli errori che hanno inficiato le nomine.

Ancora nessuna risposta invece per Roma: i sindacalisti hanno richiesto un incontro presso l’ufficio scolastico per chiarire la situazione.

A Bari i risultati delle verifiche saranno comunicati entro oggi 8 settembre

A Napoli i bollettini corretti sono stati pubblicati ieri 7 settembre. A Reggio Calabria si attende risposta sui bollettini annullati il 4 settembre.

Per segnalare in maniera circostanziata errori nell’attribuzione delle supplenze è possibile scrivere a [email protected]

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur