Supplenze docenti 2020/21: sì alle MAD anche per iscritti nelle GPS, via libera dal Ministero [ANTEPRIMA]

Stampa

Il Ministero dell’Istruzione con nota inviata ai Direttori generali degli Uffici Scolastici Regionali ha emanato delle istruzioni e indicazioni operative in materia di supplenze al personale docente assunto a seguito di messa a disposizione (MAD) relativamente all’anno scolastico 2020/2021.

Supplenze: ci sono ancora cattedre e ore da assegnare. Se non ci sono docenti nelle graduatorie?

La questione riguarda la copertura di cattedre e ore non assegnate anche dopo la conclusione delle operazioni di inizio anno scolastico.

La nota prevede pertanto che “per far fronte all’emergenza sanitaria in corso e al fine di consentire alle scuole di attribuire le cattedre o le ore ancora disponibili, sarà possibile in via eccezionale, limitatamente all’anno scolastico in corso, procedere alla nomina attraverso le MAD dei docenti inclusi anche in GPS o in graduatorie di istituto di altre province”.

“La nomina dell’aspirante da MAD – chiarisce il Ministero – può essere disposta esclusivamente dopo l’effettiva conclusione delle operazioni di nomina dalle GPS nell’ambito territoriale di riferimento e in quello nel quale è incluso lo stesso aspirante. È necessario altresì che siano esaurite le graduatorie di istituto della scuola interessata e delle scuole viciniori”.

MAD: nell’anno del COVID più supplenze rispetto agli anni precedenti

Un importante – e tardivo – chiarimento, che giunge quando alcuni docenti hanno già perso degli incarichi per il divieto introdotto nella circolare del 5 settembre, costringendo le scuole ad estenuanti trafile per trovare un docente non iscritto né in GaE, né in GPS né nelle graduatorie di istituto proprio nell’anno in cui sono state aggiornate.

Un divieto che ha portato il paradosso per cui docenti collocati nelle posizioni più basse della provincia scelta avrebbero dovuto attendere una supplenza che si sapeva non sarebbe potuta più arrivare, e non avere la possibilità di “cercar fortuna altrove”, a vantaggio di colleghi senza titolo.

Il fatto che siano pervenuti al Ministero così tanti quesiti – presumiamo anche da parte delle scuole – ci dà anche il segnale che in alcune province/classi di concorso evidentemente le GPS non sono state sufficienti a coprire il fabbisogno, soprattutto in un anno così particolare come il 2020/21, in cui ci sono circa 64.000 supplenze al 31 agosto perché non è stato possibile assegnare i ruoli per mancanza di aspiranti o per mancato incrocio posto/docente in graduatoria, più di 50.000 in posti in deroga sul sostegno, circa 70.000 (tra docenti e ATA) posti Covid per far fronte all’emergenza.

MAD: priorità a specializzati/abilitati

In ogni caso rimangono valide le indicazioni già fornite dal Ministero con la circolare sulle supplenze del 5 settembre 2020

  • Qualora pervengano più istanze, i dirigenti scolastici daranno precedenza ai docenti abilitati e ai docenti specializzati.
  • Gli eventuali contratti a tempo determinato stipulati con aspiranti non inseriti in graduatoria e tramite le cd. MAD sono soggette agli stessi vincoli e criteri previsti dall’ordinanza, ivi incluse le sanzioni previste dall’articolo 14.

Nulla viene detto sulla validità del punteggio rispetto al servizio svolto da MAD che, a questo punto, non dovrebbe essere messo in discussione neanche per i contratti stipulati precedentemente.

La nota del Ministero del 4 novembre 2020

Stampa

Black Friday Eurosofia, un’ampia e varia scelta di corsi d’aggiornamento pratici e di qualità con sconti imperdibili