Supplenze, denuncia di un docente inserito nelle GPS: lavoro meno di colleghi solo con laurea chiamati da MAD. Com’è possibile?

WhatsApp
Telegram

Supplenze docenti: l’anno scolastico 2021/22 è caratterizzato da alcuni paradossi. In parte riconducibili alla normativa, in parte generati dalla falsa speranza che il 13 agosto tutte le disponibilità fossero presenti. Accade così che docenti con buona posizione in graduatoria rimangano senza incarico per non aver scelto cattedre inesistenti entro il termine di presentazione della domanda e trattate come “disponibilità sopravvenute”.

E accade anche che docenti inseriti in GPS non ricevano supplenze, mentre la “casualità” favorisce docenti non inseriti in graduatoria.

Ci scrive una docente

Sono iscritta nelle graduatorie di istituto di una scuola elementare di Roma. Al momento la mia supplenza è terminata e non mi stanno richiamando. Una mia conoscenza senza alcuna esperienza e senza titolo, ha una laurea in giurisprudenza, ha avuto un contratto covid fino al 31 dicembre. E lo scorso anno veniva chiamata molto più frequentemente di me che sono in graduatoria. La mia domanda è questa. I presidi non sono tenuti a scorrere le graduatorie prima di attingere dalla Mad?

Fermo restando che la scelta di assumere alla primaria insegnanti con laurea pensata per insegnare alla scuola secondaria (nulla togliendo alla bravura dei singoli) potrebbe avere delle ripercussioni didattiche, va precisato che la normativa impone ai Dirigenti Scolastici e alle segreterie un iter ben preciso prima di passare a scandagliare le MAD domande di messa a disposizione.

GPS e graduatorie di istituto esaurite

L’iter è indicato nell’OM n. 60/2020 

“Nel caso di esaurimento della graduatoria di istituto il dirigente scolastico provvede al conferimento della supplenza utilizzando le graduatorie di altri istituti della provincia secondo il criterio di viciniorietà reso a tale fine disponibile dal sistema informativo”

e ripreso dalla annuale circolare sulle supplenze del 6 agosto 2021

” All’atto dell’esaurimento della graduatoria di istituto, ivi comprese le graduatorie delle istituzioni scolastiche viciniori, il dirigente scolastico si avvale di aspiranti docenti che abbiano presentato istanza di MAD.”

Dunque l’iter prevede

  • GAE/GPS
  • graduatorie di istituto della scuola in cui si verifica la supplenza (o direttamente graduatorie di istituto nel caso di supplenza temporanea)
  • graduatorie di istituto delle scuole viciniori
  • MAD

Qual è il punto debole di questo sistema. La ricerca di insegnanti nelle graduatorie di istituto delle scuole viciniori, cioè scuole che siano “fisicamente vicine” alla scuola in cui si verifica la disponibilità. Il “giro” da compiere è indicato dallo stesso Ufficio Scolastico, che stila l’elenco delle scuole viciniori.

Il problema è che l’individuazione dei docenti tramite questo sistema a SIDI è particolarmente laborioso e potrebbe richiedere qualche giorno di tempo per essere espletato fino a comprendere tutte le scuole della provincia, dalla più vicina alla più lontana.

Solo questo infatti garantisce che il docente inserito in GPS non possa essere “scavalcato” dal collega non solo non inserito in GPS ma che non è neanche in possesso del titolo specifico di insegnamento richiesto per quella supplenza.

L’interpello prima di assumere da MAD senza attinenza per la classe di concorso nella quale insegnare

A nostro parere, come già stanno facendo tantissimi Dirigenti Scolastici, in mancanza di MAD idonee, è corretto utilizzare l’interpello nazionale per avvertire che in quella scuola si è verificata una disponibilità (soprattutto se si tratta di supplenza al 30 giugno).

Come diventare insegnanti fuori graduatoria: l’interpello, cos’è e come funziona

Supplenze MAD: chi partecipa, punteggio, caratteristiche del contratto [LO SPECIALE con le FAQ]

 

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur