Argomenti Chiedilo a Lalla

Tutti gli argomenti

Supplenze da MAD con laurea triennale, il punteggio sarà valutato nelle future GPS?

WhatsApp
Telegram

Supplenze anno scolastico 2022/23: uno dei punti più delicati e controversi è quello dell’attribuzione di nomine tramite MAD, domande di messa a disposizione. Stante il divieto di invio delle MAD da parte dei docenti inseriti in graduatoria, i Dirigenti Scolastici nella cui scuola si viene a determinare una supplenza, devono trovare alternative. Quanto sia corretto, è un altro discorso, che non va trascurato.

Tante scuole hanno già esaurito le proprie graduatorie e dopo essersi rivolte a quelle viciniori (consigliamo agli interessati di controllare che il procedimento sia corretto controllando i docenti nominati nella pubblicazione all’albo pretorio), emanano un interpello nazionale alla ricerca di docenti, anche per supplenze fino al 30 giugno.

Varie le classi di concorso, si va dalle ormai classiche STEM a discipline musicali.

Graduatorie esaurite, le scuole ricercano docenti da MAD. Gli interpelli aperti

Alcune info sulle MAD

Possono presentare le domande MAD i soli aspiranti non inclusi in nessuna graduatoria della stessa o di altra provincia, come indicato dall’Om n. 112 del 6 maggio 2022.

Nella domanda gli aspiranti devono dichiarare (ai sensi del DPR 445/2000): il titolo di studio posseduto (e i relativi estremi di conseguimento), compresi gli eventuali CFU/esami necessari per accedere alla classe di concorso (nel caso dei docenti della secondaria); gli estremi del conseguimento dell’eventuale titolo di abilitazione e/o specializzazione posseduti; di non essere inseriti in nessuna graduatoria della stessa o di altra provincia.

Le conseguenze: se da un lato c’è chi si rivolge all’ingegnere in pensione, dall’altro c’è chi pesca dal bacino delle Università gli aspiranti con laurea triennale, possibilmente con i CFU richiesti per l’accesso alla classe di concorso richiesta, ma c’è anche chi è costretto ad assegnare il posto a docente senza alcun titolo per la cattedra che ricopre.

Una nostra lettrice chiede

Sono laureata alla triennale in Matematica, e conseguirò tra qualche mese la laurea magistrale.
L’anno scorso ho lavorato da MAD sulla A27, e oggi ho accettato un’altra supplenza per quest’anno. Queste supplenze, prestate nel momento in cui io sono in possesso della sola laurea triennale, mi fanno guadagnare punteggio?
Nel momento in cui andrò ad iscrivermi in graduatoria avrò anche i punti acquisiti in questi anni?

La risposta alla nostra lettrice è affermativa. Se è vero infatti che sta svolgendo il servizio non in possesso del titolo, quando all’atto di iscrizione in GPS avrà il titolo (comprensivo dei 24 CFU in discipline didattiche) potrà far valere anche il servizio svolto in questi anni.

Il Ministero lo ha precisato nel 2022 attraverso una FAQ che fa riferimento alla nota del 22 luglio 2020.

“E’ valutabile il servizio prestato senza il titolo di accesso (ivi compresa la mancanza del titolo di studio comprensivo dei relativi dei CFU, certificazione tardiva del possesso dei 24 CFU/ CFA), qualora all’atto della presentazione della domanda di rinnovo l’aspirante abbia nel frattempo conseguito il requisito richiesto?

Sì. Ai sensi della nota 1290/2020 richiamata nella OM 112, il servizio prestato di fatto e non di diritto per mancanza dei requisiti di accesso previsti dalla OM 60/2020 è pienamente valutabile in occasione del rinnovo per il biennio 2022/2024″

Per lo stesso motivo non sarà valutabile ad es. il servizio svolto alla primaria senza titolo se al prossimo aggiornamento il docente non sarà in possesso di titolo per quel grado specifico di insegnamento.

La nota DPIT n. 1290 del 22/07/2020 prevede che nelle GPS di II fascia della scuola primaria e dell’infanzia, il servizio prestato su posto comune o di sostegno (senza ovviamente il prescritto titolo di abilitazione) dagli studenti in Scienze della formazione primaria è valutabile per la relativa graduatoria, come specifico e aspecifico a seconda del grado, esclusivamente per le relative graduatorie di infanzia e primaria. Posso far valere tale servizio, come aspecifico, anche nelle GPS della scuola secondaria?
No, a meno che sia stato conseguito il titolo di accesso entro la data di scadenza della domanda di rinnovo per il biennio 2022/2024 (vedasi FAQ n. 45).

Naturalmente – lo precisiamo – le regole di accesso alle GPS 2024 potrebbero essere diverse. Il ragionamento vale, ad oggi, con la normativa in vigore. Il Ministero infatti sta approntando un nuovo Regolamento per le GPS (una delle novità più significative sarebbe ad es. la cancellazione della seconda fascia di infanzia e primaria).

La consulenza

È possibile richiedere consulenza all’indirizzo [email protected] (non è assicurata risposta individuale ma la trattazione di tematiche generali)

È possibile seguire gli aggiornamenti tramite il tag Graduatorie di istituto e Supplenze

Supplenze docenti da graduatorie di istituto: convocazioni, MAD, quanto tempo per prendere servizio, rinunce e sanzioni [LO SPECIALE]

WhatsApp
Telegram
Chiedilo a Lalla

Invia il tuo quesito a [email protected]
Le domande e le risposte saranno rese pubbliche, non si accettano richieste di anonimato o di consulenza privata.

TFA sostegno VIII ciclo: Scegli il corso di preparazione di Eurosofia a cura del Prof. Ciracì e dell’Avv. Walter Miceli che prepara a tutte le prove