Supplenze da GPS 2023/24, da quale nominativo ripartirà il secondo turno di nomine e quali cattedre saranno disponibili

WhatsApp
Telegram

Supplenze docenti per l’anno scolastico 2023/24: come funziona il secondo turno di nomina dell’algoritmo. Gli Uffici Scolastici dell’Emilia Romagna e Piemonte hanno già svolto il secondo turno di nomina entro il 31 agosto, tante altre province attendono invece l’eventuale mancata presa di servizio per rimettere nel sistema le cattedre derivanti da rinunce.

Quali cattedre saranno libere per il secondo turno di nomina

Ce lo spiegano alcuni Uffici Scolastici che hanno già svolto il secondo turno di nomina, includendo

  1. rinunce al conferimento di incarico a tempo determinato
  2. rinunce alle immissioni in ruolo da graduatoria di merito
  3. accoglimento di domande di assegnazione provvisoria o utilizzazione interprovinciale
  4. ulteriori provvedimenti che hanno determinato l’uscita del docente titolare dalla sede di servizio.

Se le circostanze 1 e 4 sono “normali”, cioè le uniche che avrebbero dovuto far scattare il secondo turno, non sono ammissibili i punti 2 e 3, perchè significa falsare il primo turno di nomina (e una cattedra non è uguale ad un’altra, a scanso di equivoci).

Non ci stancheremo infatti di ripeterlo.  Se il quadro di disponibilità non sarà completo fin dal primo turno di nomina il sistema pensato, il cui atto è stato quello di far compilare la domanda entro il 31 luglio in assenza delle disponibilità, sarà falsato. Supplenze docenti 2023, se non ci sono tutte le cattedre al primo turno l’algoritmo è IMPERFETTO

Allora – si potrebbe obiettare – cosa bisognava fare? Far saltare il 1° settembre, senza supplenti nominati a compiere il rituale e benefico rito della presa di servizio per aspettare la chiusura di immissioni in ruolo e assegnazioni provvisorie, oppure assicurare comunque dei contratti anche se si andranno a privilegiare le posizioni più basse della graduatoria?

A nostro parere, nel momento in cui gli Uffici Scolastici si rendevano conto di non poter inserire il quadro completo delle disponibilità al primo turno, avrebbero dovuto chiedere lumi al Ministero (non sappiamo in realtà se è stato fatto).

Certamente al momento ci sono province in cui c’è già stato il secondo turno di nomina entro il 31 agosto, ma con disponibilità al secondo turno che avrebbero dovuto essere nel primo e province che hanno rinviato le nomine alla prossima settimana. Supplenze 2023/24: migliaia di docenti in servizio da oggi 1° settembre. Veneto e Sardegna rimandano nomine, mancano grandi città come Napoli e Roma

A questo punto il numero di turni rischia di prolungarsi, come accaduto lo scorso anno scolastico, con nomine perfino a febbraio.

Da quale nominativo riparte il secondo turno di nomina

A spiegarlo in maniera esaustiva l’Ufficio Scolastico di Reggio Emilia, in un documento del 1° settembre che è anche risposta ai reclami ricevuti alle nomine già effettuate.

Oltre a spiegare la circostanza per cui può verificarsi che docenti in posizione inferiore e/o con punteggio notevolmente più basso abbiano ricevuto una nomina anche rispetto a docenti non nominati per effetto della riserva di legge 68/99,  l’ufficio scolastico spiega anche il funzionamento dell’algoritmo

“Il sistema informativo, nello scorrimento della graduatoria, fatti salvi i diritti di riserva e precedenza come sopra descritti, arrivato alla posizione del candidato “X”, se non coglie fra le preferenze espresse da quel candidato le sedi lasciate libere dai candidati che lo precedono per punteggio, preferenza, riserva o precedenza, il candidato viene automaticamente e inderogabilmente considerato rinunciatario per quella classe di concorso e non potrà più ricevere nomina da GPS per quella specifica classe di concorso per l’intero anno scolastico ai sensi e per gli effetti dell’art. 12, comma 4°, dell’O.M. n. 112/2022.”

Si precisa ulteriormente che, nelle successive fasi di nomina, le sedi divenute nuovamente disponibili – anche a seguito delle rinunce espresse dai candidati individuati nelle precedenti fasi di nomina – non saranno assegnate ai candidati che sono stati già “superati”; difatti, il sistema informativo ripartirà dall’ultimo candidato individuato, per ciascuna classe di concorso, all’esito della precedente fase di nomina, così come stabilito dall’art. 12, comma 10°, dell’O.M. n. 112/2022

Un esempio

Esempio:  se all’esito della prima fase di nomine a tempo determinato del personale docente ed educativo, per la classe di concorso A022, il sistema informativo si è arrestato al candidato X, in posizione 950, alla seconda fase ripartirà dal candidato X, in posizione 951, senza riconsiderare le domande dei candidati già “superati”.

Pare opportuno ribadire che le sedi possono essere assegnate al candidato solo se vi è perfetta coincidenza fra le preferenze espresse e la sede risultante libera per scorrimento.

A titolo meramente esemplificativo, non potranno essere assegnate COE con completamento in diverso comune a chi ha optato solo per le COE con completamento nello stesso comune, oppure corsi serali a chi non lo abbia espressamente richiesto e abbia indicato il corretto codice meccanografico del plesso nel quale si svolge il corso serale.

Supplenze docenti 2023/2024: è la settimana del primo turno di algoritmo. Rinuncia, presa di servizio, graduatorie di istituto e MAD [LO SPECIALE]

WhatsApp
Telegram

La Dirigenza scolastica, inizio anno scolastico: la guida operativa con tutte le novità 2024/25 con circolari e documenti pronti all’uso