Supplenze da GPS 2023/24: “conviene più la NASPI che uno spezzone”, l’amara considerazione di una docente sull’algoritmo

WhatsApp
Telegram

Supplenze da GaE e GPS per l’anno scolastico 2023/224: sono giornate importanti per i docenti precari in attesa della nomina al 31 agosto o 30 giugno 2024, soprattutto per chi in breve tempo deve raggiungere la sede assegnata in altra provincia. La presa di servizio è fissata al 1° settembre per nomine conferite entro il 31 agosto.

Nomine entro l’inizio delle lezioni

Il Ministero dell’istruzione e del Merito ha scelto di effettuare le nomine per incarichi a tempo determinato al 31 agosto o 30 giugno 2024, il più tardi possibile in modo da avere fin dal primo turno di nomina il quadro completo delle disponibilità.

Nei giorni scorsi alcuni Uffici Scolastici hanno già effettuato le nomine e pubblicato i relativi bollettini

Le nomine sono corrette?

Al momento gli Uffici scolastici rispondono ai due quesiti più stringenti, già noti negli ultimi due anni scolastici

  • nomina attribuita ad un docente con punteggio più basso o posizione inferiore
  • attribuzione di nomina diversa da quella prospettata dall’aspirante

rivendicando la correttezza nell’impostazione dell’algoritmo. Le note degli Uffici Scolastici

Il problema è a monte: le GPS sono corrette?

Ma il problema è a monte? Le GPS utilizzate per il primo turno di nomina sono veramente corrette? “abbiamo fatto tutto il possibile” rispondono gli Uffici Scolastici, rivendicando il cospicuo lavoro relativo a rettifiche, integrazioni, depennamenti.

E proprio sulla cancellazione dei docenti ai quali non spetta più l’inserimento in GPS insistono gli aspiranti ad una nomina da GPS.

Quest’anno poi si aggiunge il fatto che i docenti neoassunti che devono svolgere l’anno di prova non possono accettare supplenza su alta classe di concorso usufruendo dell’art. 36. Poiché la domanda per le supplenze è stata compilata tra il 17 e il 31 luglio scorsi, ne deriva che nelle GPS ci sono tanti docenti che il 1° settembre 2023 assumeranno servizio come docenti a tempo indeterminato in quanto neoassunti con le procedure che si sono svolte tra fine luglio ed agosto ma che comunque riceveranno una supplenza in base a quella domanda già presentata. Non potendo accettare la supplenza i docenti saranno costretti a rinunciare e la cattedra sarà disponibile per il turno successivo di nomina.

Se le cose funzionassero a dovere invece dovrebbe essere presente già al primo turno di nomina.

Purtroppo il sistema di ritiro della domanda messo a punto dal Ministero non ha funzionato per più settimane e solo negli ultimi giorni gli Uffici Scolastici hanno ovviato alla problematica proponendo un percorso alternativo, ma chissà quanti se ne sono avvalsi.

Lo spezzone: la nomina più “brutta”

Scrivo una nostra lettrice

Estrapolo una considerazione letta in un vostro articolo:
“Vedremo se il Ministero riuscirà a ripristinarla in tempi rapidi, ma certamente sarà difficile trovare la collaborazione dei docenti che erano entrati nel sistema una volta “armati” delle migliori intenzioni e si sono trovati di fronte ad un malfunzionamento e che adesso dovrebbero nuovamente rifare la procedura”.

Nell’articolo Supplenze da GaE e GPS 2023, si può rinunciare per favorire corretto avvio algoritmo. Ma la sezione non funziona: nomine già avviate

che il malfunzionamento della funzione su Istanze online avrebbe potuto compromettere la riuscita dell’obiettivo. Magari i docenti avranno provato una volta, non saranno riusciti, e avranno desistito.

e infatti la nostra lettrice conferma

Confermo che nella provincia di Forlì- Cesena l’algoritmo è stato avviato il 25/8 con le GPS piene dei nominativi dei colleghi che avrebbero potuto/dovuto rinunciare ma non sono stati in grado di farlo. Quindi, cattedre di 18 ore al 31/8 o al 30/6 sono state assegnate a loro, mentre e a me, ad esempio, è stato assegnato uno spezzone di 10 ore in un altro comune, spezzone che difficilmente verrà completato da GI. Naturalmente, ora quelle cattedre andranno a colleghi con punteggio inferiore.
Quindi mi chiedo, con grande frustrazione: PERCHÉ si fanno le cose in maniera approssimativa, superficiale, senza il minimo buon senso? Per me quest’anno è molto più conveniente rimanere in NASPI che accettare lo spezzone: siamo arrivati a questo?

Si tratta di una riflessione amara, che coinvolge più problemi

  • ritiro della domanda da parte degli aspiranti per favorire il corretto funzionamento dell’algoritmo. Plauso invece agli Uffici Scolastici che hanno agito al contrario, escludendo i docenti neoassunti in ruolo chiedendo loro di comunicare solo se effettivamente interessati alla supplenza.
  • diffioltà nel completamento dello spezzone. Al momento non è possibile spezzare una cattedra /posto intero per favorire il completamento.

Supplenze docenti 2023/2024: è la settimana del primo turno di algoritmo. Rinuncia, presa di servizio, graduatorie di istituto e MAD [LO SPECIALE]

È possibile inviare un quesito all’indirizzo [email protected] (non è assicurata risposta individuale ma la trattazione di tematiche generali)

È possibile seguire gli aggiornamenti tramite il tag Graduatorie di istituto e Supplenze

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri