Argomenti Chiedilo a Lalla

Tutti gli argomenti

Supplenze, cosa accade se un docente assume servizio da MAD e poi viene chiamato da GPS

Stampa
#insegnanti #dad

Supplenze docenti anno scolastico 2021/22: il personale finora non inserito in nessuno dei bollettini di assegnazione degli incarichi nella propria provincia, impaziente di attendere la conclusione delle operazioni, invia la domanda di messa a disposizione e accetta una nomina. Salvo poi essere chiamato nella provincia delle GPS: un intreccio non semplice.

Un nostro lettore chiede

Se un docente ha accettato la convocazione tramite Mad per una supplenza annuale o fino al termine delle attività didattiche in una regione diversa da quella in cui è iscritto in graduatoria GPS e poi riceve successivamente una convocazione da GPS per una supplenza annuale o fino al termine delle attività didattiche, può abbandonare la supplenza da Mad e accettare quella da GPS?

Alla base vi è un errore

Alla base di questo quesito vi è un errore. Analizziamo a fondo la normativa.

il Ministero, con nota del 27 settembre, deroga al divieto di invio delle domande di messa a disposizione MAD da parte dei docenti inseriti in GPS.

La deroga vale a due condizioni 

  • siano concluse le assegnazioni delle nomine da GaE e GPS nella provincia in cui il docente è già inserito in graduatoria e anche in quella di arrivo della messa a disposizione.
  • deve essere esaurita la graduatoria di istituto della scuola in cui vi è la disponibilità, nonché degli istituti viciniori.

Di conseguenza, le MAD devono indicare  tutte le dichiarazioni necessarie per consentire la verifica puntuale dei suddetti requisiti da parte dei dirigenti scolastici, ivi compresi gli estremi del conseguimento del titolo di abilitazione e/o del titolo di specializzazione.

Se questo venisse puntualmente eseguito, da parte dei docenti e da parte dei Dirigenti Scolastici che ricevono le MAD, la situazione in cui si trova il nostro lettore non dovrebbe verificarsi.

MAD inviate prima della deroga

E tuttavia, è indubbio che tante domande di messa a disposizione sono state inviate prima della deroga ministeriale e che non contengono tale indicazione.

Inoltre, nelle segreterie scolastiche spesso si lavora di fretta per assicurare alle classi il docente che manca, che il particolare viene trascurato. Ad essere interessato in realtà dovrebbe essere più il docente che il Dirigente Scolastico.

Lasciare supplenza da MAD

Perché è nell’interesse del docente non trovarsi in una condizione di possibile sanzione. Fino a quando ad assumere l’incarico sono docenti che nella provincia di interesse sono in posizione sicuramente non utile per un incarico, il problema forse non si pone.

Il problema si pone invece quando per scorrimento di graduatoria, per il sopraggiungere di nuove disponibilità, si arriva alla propria posizione e allora il docente viene allettato dall’idea di far rientro nella propria provincia, magari ad accettare una supplenza nella propria classe di concorso lasciando un incarico per il quale non ha titolo.

Ma ecco che qui interviene ancora una volta la circolare sulle supplenze: “Gli eventuali contratti a tempo determinato stipulati con aspiranti non inseriti in graduatoria e tramite le cd. MAD sono soggetti agli stessi vincoli e criteri previsti dall’ordinanza, ivi incluse le sanzioni previste dall’articolo 14”

il docente che assumere servizio da MAD con contratto al 30 giugno ha gli stessi diritti e doveri di un docente assunto da GPS fino al 30 giugno.

Pertanto, non si può lasciare una supplenza al 30 giugno per un’altra sempre al 30 giugno.

Al contrario, si può sempre lasciare una supplenza breve (anche da MAD) per una al 30 giugno (da gaE, GPS, GI o anche da MAD).

Regolamentare meglio la MAD

A nostro parere, oltre la deroga, il sistema dovrebbe essere regolamentato meglio. Il perdurare delle operazioni da parte degli Uffici Scolastici, tra rettifiche e ripensamenti, crea un ostacolo. Un intreccio nel quale il docente non ha responsabilità ma di cui alla fine subisce le conseguenze.

Naturalmente consigliamo al docente oggetto della consulenza di chiedere alla segreteria scolastica come gestirebbe la sanzione. Ci piacerebbe conoscere se altri docenti si sono già trovati in questa situazione.

Per consulenze è possibile scrivere a [email protected]
Non è assicurata la risposta individuale, ma la trattazione di temi generali nei tag SupplenzeImmissioni in ruoloConcorso infanzia e primariaconcorso secondaria

Supplenze 2021/22, invio MAD anche per docenti iscritti in GPS. NOTA Ministero

 

Stampa
Chiedilo a Lalla

Invia il tuo quesito a [email protected]
Le domande e le risposte saranno rese pubbliche, non si accettano richieste di anonimato o di consulenza privata.

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur