Supplenze conferite da GI: casistiche. Contratto fino ad avente diritto e fase C

WhatsApp
Telegram

Riportiamo le ultime risposte dei nostri consulenti nella rubrica "Chiedilo a Lalla". Ricordiamo che per le istituzioni scolastiche abbiamo approntato un canale di consulenza gratuita e con risposta garantita.

Riportiamo le ultime risposte dei nostri consulenti nella rubrica "Chiedilo a Lalla". Ricordiamo che per le istituzioni scolastiche abbiamo approntato un canale di consulenza gratuita e con risposta garantita.

Le supplenze fino ad avente diritto (tranne su esonero collaboratore) non c’entrano nulla con fase C

Dany – Vorrei sottoporvi la mia situazione: sono ATA di ruolo a Roma e Docente precaria a Torino, da cui ho ricevuto convocazione per una supplenza su avente diritto, ma l’art. 59 non permette utilizzazioni inferiori a supplenze annuali, per cui non ho potuto accettarla. Ora, essendo la mia classe di concorso la C470 ("Laboratorio di Registrazione del Suono e Post-produzione Audio") molto di nicchia, in graduatoria risultiamo ancora solo noi ITP diplomati, poiché il MIUR non ha previsto PAS negli ultimi anni.

Abbandono contratto fino ad avente diritto per supplenza ATA e abbandono supplenza ATA per contratto docente fino al 30 giugno 2016

Antonio – Sono un insegnante di scuola media/superiore e attualmente ricopro un incarico come docente con art. 40 in attesa di avente diritto. Un’altra scuola mi ha proposto un contratto fino al 30/6/2016 come assistente tecnico e ho tempo fino a venerdì per decidere se accettare.

Malattia e personale assunto a tempo determinato: chiarimenti

Rossana  – le scrivo per avere un’ informazione. Sono tre anni che lavoro in una scuola dove mi è stato detto dalla segreteria che la malattia che mi spettava era di un mese e che mi doveva essere trattenuta al 50%. Il primo anno sono stata chiamata tramite la messa a disposizione e la segreteria mi ha spiegato che siccome era il primo anno mi spettava un mese. Il secondo anno sono stata chiamata dalla graduatoria di seconda fascia e ho stipulato il contratto con il dirigente scolastico ma mi è toccato sempre un mese di malattia al 50%. Visto che questo è il terzo anno e sono stata chiamata sempre dalla seconda fascia volevo avere chiarimenti in merito. In attesa di risposta le porgo cordiali saluti.

Congedo parentale e termini di preavviso. Chiarimenti

Jessica – sono una maestra scuola primaria che ha avuto una supplenza dal 2 ottobre 2015 al 30 giugno 2016. Ho chiesto congedo parentale il giorno della presa di servizio (2/10/2015) con decorrenza dal 5/10/2015 al 04/11/2915, su suggerimento del dirigente. Sapendo che sono necessari 5 gg di preavviso o 48 ore per gravi motivi, che io non ho, il dirigente può a discrezione sua accorciare i termini del  preavviso? Potrei avere problemi perché non ho rispettato il preavviso?

Supplenze conferite da GI: casistiche

Docente – ti pongo una domanda: sono una docente precaria (prima fascia di istituto) ho accettato due supplenze “fino ad avente titolo” su spezzone orario di 6 ore l’una. Si potrebbe ora presentare una supplenza su cattedra di 18 ore fino a data certa (dicembre poi prorogabile) su altra scuola e stessa classe di concorso. Posso lasciare almeno uno spezzone per accettare quest’ultima supplenza senza ricorrere in sanzioni? Grazie. Davide – Si può lasciare una supplenza “fino all’avente diritto” (art. 40) per un’altra fino al 30/6, quando entrambe vengono assegnate attingendo alle graduatorie di istituito di 3a fascia? Grazie.

Congedo parentale ed effetti nell’anzianità di servizio

Daniela  – Spett.le OrizzonteScuola sono un’insegnante di spagnolo, inserita nella III fascia delle graduatorie d’Istituto, e vi scrivo poiché ho accettato un incarico per un “sostegno” fino ad “avente diritto” in provincia di Pisa e dovrei mettermi in congedo parentale. Sono madre di due bambine gemelle di due anni e mio marito ed io abbiamo già usufruito l’anno scorso di un mese ciascuno di congedo parentale retribuito al 100%, ragion per cui mi resterebbero dieci mesi, secondo il nuovo decreto legge in vigore, pagati al 30% entro il sesto anno (non più tre anni) di vita delle bambine. La mia domanda è molto semplice: in caso di congedo parentale, retribuito al 30%, si acquisisce il punteggio pieno ai fini delle graduatorie e dei concorsi? Questa cosa è poco chiara, so che in caso di congedo “senza assegni” non si ha diritto ad alcun punteggio, non so in quali casi però, quindi andando in congedo parentale, siccome ho due gemelle ed altri dieci mesi da poter prendere pagati al 30/% (!), alla fine avrei punteggio pieno dalla supplenza breve o lunga che sarà come se avessi frequentato oppure no? Grazie. Cordiali saluti.

chiedilo a lalla

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur