Supplenze, come inviare MAD Messa a disposizione [SCARICA MODELLO]

Stampa

Un modello di domanda di messa a disposizione MAD che è possibile adattare a tutte le esigenze. Sono numerose le supplenze assegnate anche fuori graduatorie, ed esplode la polemica per la mancata accettazione da parte degli aspiranti di incarichi conferiti fuori provincia.

MAD

La domanda di messa a disposizione è un’istanza presentata alle scuole (senza limitazioni, escluse alcune di cui parleremo di seguito), tramite la quale si “avverte”  della propria disponibilità per eventuali incarichi di supplenza.

Si ricorre alle MAD nel caso in cui le graduatorie siano esaurite, comprese quelle delle scuole viciniori (O.M. n. 60/2020 “9. Nel caso di esaurimento della graduatoria di istituto il dirigente scolastico provvede al conferimento della supplenza utilizzando le graduatorie di altri istituti della provincia secondo
il criterio di viciniorietà reso a tale fine disponibile dal sistema informativo

Limitazioni

In linea generale l’invio della MAD era stato previsto dal Ministero con circolare del 5 settembre, solo ed esclusivamente per i docenti che non fossero inseriti in nessuna graduatoria.

E tuttavia ci si è resi conto che le nuove graduatorie (GPS provinciali e graduatorie di istituto) sono spesso insufficienti per coprire tutte le supplenze. Di conseguenza il Ministero ha permesso con nota del 4 novembre,  per l’anno scolastico 2020/21, l’invio delle MAD anche agli iscritti nelle GPS o graduatorie di istituto di altre province.

Le limitazioni: “La nomina dell’aspirante da MAD – chiarisce il Ministero – può essere disposta esclusivamente dopo l’effettiva conclusione delle operazioni di nomina dalle GPS nell’ambito territoriale di riferimento e in quello nel quale è incluso lo stesso aspirante. È necessario altresì che siano esaurite le graduatorie di istituto della scuola interessata e delle scuole viciniori”.

Le caratteristiche della supplenza MAD

In ogni caso rimangono valide le indicazioni già fornite dal Ministero con la circolare sulle supplenze del 5 settembre 2020

  • Qualora pervengano più istanze, i dirigenti scolastici daranno precedenza ai docenti abilitati e ai docenti specializzati.
  • Gli eventuali contratti a tempo determinato stipulati con aspiranti non inseriti in graduatoria e tramite le cd. MAD sono soggette agli stessi vincoli e criteri previsti dall’ordinanza, ivi incluse le sanzioni previste dall’articolo 14.

Dove è possibile inviare le MAD

Possono essere inviate

  • nelle scuole della stessa provincia in cui l’aspirante è inserito e che non è stato possibile inserire per il limite numerico o che per altri motivi non sono state inserite (questo recupera tutti coloro che si sono iscritti nelle GPS ma non nelle graduatorie di istituto, omettendo di scegliere le scuole)
  • nelle scuole di altre province, senza limite numerico
  • per la stessa o per altre classi di concorso, o per la stessa più altre classi di concorso
  • anche per classi di concorso per cui non si ha titolo, naturalmente specificando la circostanza

Sperando che l’ultima occasione non debba mai più verificarsi, perché è diritto degli studenti avere un insegnante formato per il grado di scuola in oggetto, precisiamo quando il contratto stipulato con contratto di messa a disposizione può portare punteggio.

Supplenze, quando il contratto con messa a disposizione fa guadagnare punteggio

Modello

Pubblichiamo il modello di domanda messo a disposizione da alcuni Uffici Scolastici, che può essere modificato e personalizzato in base alle esigenze individuali. Il modello può essere utilizzato per quelle scuole che non hanno predisposto una propria piattaforma per la candidatura.

Modello di domanda

Stampa

Tfa sostegno VI ciclo: cosa studiare? Parliamone con gli esperti il 29 luglio