Supplenze. Caccia aperta ai docenti nelle scuole del Nord: chiamati anche senza titolo

Stampa

E’ caccia ai supplenti nelle scuole del Nord.

Il parlamentare ravennate di Possibile, Andrea Maestri, ha presentato un’interrogazione al ministro dell’Istruzione Stefania Giannini, dove scrive “si stanno verificando situazioni gravi e preoccupanti” a causa della Buona scuola.

Le graduatorie ad esaurimento sono state infatti svuotate dalle assunzioni della legge 107, e quando le scuole hanno bisogno di supplenti per le malattie o per altre assenze più o meno brevi degli insegnanti, non trovano personale a disposizione nelle graduatorie d’istituto, spesso si deve ricorrere alle messe a disposizione.

Infatti i supplenti per alcune materie sono scomparsi, e allora le segreterie ricorrono al passa parola, ai neolaureati, alle maestre che si sono iscritte all’università per prendere la laurea.

C’è addirittura chi ha deciso di richiamare al lavoro i pensionati: è successo a Brescia, dove una scuola primaria ha chiesto aiuto ad una maestra in pensione. E chi, come in una scuola in provincia di Treviso, ha portato in classe i tirocinanti di Scienze della formazione dell’università di Padova per supplire alle mancanze di docenti.
C’è anche chi lancia appelli agli amici rimasti al Sud pur di trovare supplenti.
La situazione è grave a Milano, Bergamo e Brescia, dove nelle scuole primarie le tre fasce delle graduatorie di istituto sono esaurite. In provincia di Torino le segreterie di molte scuole stanno impazzendo: quando va bene, il sostituto arriva dopo venti giorni. A Ravenna, dopo che i bambini di molte classi sono stati smistati per giorni in altre aule, è partita una petizione dei genitori corredata da 1600 firme.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur