Supplenze, Azzolina “non sono 200mila” e il prossimo anno potranno diminuire

Stampa

Il Ministro Azzolina dalle pagine del Sole24 Ore interviene sul fenomeno supplentite, mettendo le mani avanti per il prossimo anno scolastico. 

Le supplenze dell’anno scolastico non sono state 200mila, assicura la Ministra, indicando i dati aggiornati al 30 settembre 2019.

109.195 i contratti a tempo determinato (27.563 fino al 31 agosto e 81.632 fino al 30 giugno), di cui oltre 44mila sul sostegno.

Nel 2020/21 al massimo il numero potrebbe essere uguale, se non diminuire.

Gli unici provvedimenti che potrebbero incidere su questi numeri, sfumate le immissioni in ruolo al 1° settembre 2020 da concorso straordinario per i docenti con 36 mesi di servizio, potrebbe essere la call veloce e l’assunzione da graduatoria aggiuntiva.

Per la prima il decreto è già stato inviato al CSPI e presto potrà essere pubblicato.

La call veloce implicherà lo spostamento volontario del docente che va a occupare il posto libero in altra regione o provincia.

Provincia che potrebbe trovarsi anche gli antipodi della propria, nella quale scatterà il vincolo almeno quinquennale di permanenza, senza la possibilità di poter richiedere nè trasferimento né assegnazione provvisoria.

Una misura che non sappiamo ancora quanto verrà apprezzata dai docenti precari.

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia