Supplenze, Azzolina (M5S): trasformiamo graduatorie di istituto in provinciali

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Supplenze e precariato: tra qualche giorno verrà presentato in Consiglio dei Ministri il decreto salvaprecari che, pur sulla base di quello già approvato il 6 agosto, presenta numerose novità. 

Occhi puntati su Concorso straordinario secondaria e PAS, ma ci sono tanti altri provvedimenti che interesseranno il personale scolastico.

Una di queste è lo spostamento (con possibili incentivi) verso altre regioni dei docenti dei concorsi 2016 e 2018 e delle GaE, al fine di svuotare le liste.

Graduatorie di istituto in provinciali

A parlarne è l’on. Lucia Azzolina (M5S) sottosegretario al Miur: la trasformazione delle graduatorie di istituto in provinciali consentirebbe di rendere più veloci le operazioni di attribuzione delle supplenze, alleggerire il lavoro delle segreterie e garantire agli studenti i docenti in classe in tempi più rapidi.

Ricordiamo che secondo l’attuale normativa infatti i docenti di scuola dell’infanzia e primaria possono indicare, nella stessa provincia, 10 scuole di cui al massimo 2 circoli didattici. I docenti di scuola secondaria di primo e secondo grado al massimo 20 scuole. Non di rado i docenti sono costretti a inviare la MAD, domanda di messa a disposizione, nella stessa provincia in cui sono già inseriti al fine di coprire tutte le scuole di interesse.

Una piccola rivoluzione

La trasformazione delle graduatorie di istituto in provinciali è una delle richieste avanzate al Miur dal sindacato Anief. Il sindacato mira al loro utilizzo anche per le immissioni in ruolo “Basta con le graduatorie bloccate e aperte ogni tre-cinque anni. Bisogna ricorrere all’utilizzo, sia per le supplenze sia per le immissioni in ruolo, da graduatorie d’istituto, trasformandole in provinciali per assicurare la copertura su tutte le scuole. E i vincitori e gli idonei dei concorsi ordinari e straordinari possono, su richiesta, cambiare regione.

Il sottosegretario ha già precisato che la modifica riguarderebbe comunque solo le supplenze.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione