Argomenti Chiedilo a Lalla

Tutti gli argomenti

Supplenze ATA: un avvocato iscritto all’albo può accettare massimo 18 ore settimanali

Stampa

Lavorare come personale ATA nella scuola e nello stesso tempo esercitare la libera professione di avvocato: quali sono i diritti e quali i limiti di una normativa controversa. Attenzione: la normativa è disciplinata in maniera diversa tra personale ATA e docenti.

Un nostro lettore chiede

Chi esercita una libera professione, ad esempio è un avvocato regolarmente iscritto all’albo, può accettare come personale ata (assistente amministrativo, tecnico, collaboratore scolastico) un incarico full-time da 36 ore? Oppure c’è incompatibilità e può accettare solo un incarico part-time da 18 ore?  Attendo vostre delucidazioni. Saluti

di Giovanni Calandrino – Quando si sottoscrive il contratto a scuola (sia per assunzione in ruolo che per supplenza) si deve essere liberi da precedenti rapporti di lavoro. Con la sottoscrizione del contratto, infatti, sorge il vincolo di esclusività a tutela del buon andamento dell’Amministrazione (art. 98 Cost.). In tale momento non devono sussistere situazioni ostative la sottoscrizione del contratto di assunzione e, fra queste, l’esistenza di precedenti rapporti di impiego, siano essi di natura pubblica o privata.

Nello specifico la materia della incompatibilità del personale della scuola è regolata dall’art. 53 del D.Lgs. n. 165/2001, il quale prevede che resta ferma per tutti i dipendenti pubblici la disciplina delle incompatibilità dettata dagli articoli 60 e seguenti del d.P.R. 10 gennaio 1957, n. 3.

Una deroga a tali incompatibilità, salvo dei casi eccezionali (esempio imprenditore o libero professionista), è prevista per il personale in part time con prestazione lavorativa non superiore al 50%.

D’altronde l’art. 58 comma 9 del CCNL/2007 specifica che al personale in part time interessato è consentito, previa autorizzazione del dirigente scolastico, l’esercizio di altre prestazioni di lavoro che non arrechino pregiudizio alle esigenze di servizio e non siano incompatibili con le attività d’istituto della stessa Amministrazione. L’assunzione di altro lavoro, o la variazione della seconda attività da parte del dipendente con rapporto di lavoro a tempo parziale, deve essere comunicata al dirigente scolastico entro 15 giorni.

Dunque per il solo personale ATA a livello normativo, un avvocato iscritto all’albo in quanto libero professionista può accettare supplenze part-time per un monte ore massimo di 18 settimanali.

N.B. Per il personale docente non è cosi. Purtroppo è una situazione discutibile che crea una disparità di trattamento per il personale assunto nello stesso comparto. Situazione che spesso diventa contenzioso.

Vedi le FAQ

FAQ

D. Oltre ad essere un docente, sono anche un libero professionista (ingegnere, architetto, commercialista…), posso svolgere contemporaneamente le due attività?

R. Sì, la normativa scolastica lo prevede.

D. Sono un avvocato, posso esercitare la professione e contemporaneamente insegnare? Vi sono disposizioni specifiche?

R. Sì, può esercitare ed insegnare contemporaneamente. Per gli avvocati la materia è disciplinata dalla legge n. 247/ 2012 e dalla nota n. 17263 del 06/12/2013.

D. Gli avvocati hanno ulteriori vincoli dettati dalla normativa specifica (legge n.247/ 2012 e nota n. 17263 del 06/12/2013)?

R. Sì, il docente/avvocato:

  • può svolgere solo attività di insegnamento in materie giuridiche;
  • non può assumere il patrocinio legale in controversie, in cui sia parte l’amministrazione (scuola);
  • non può assumere incarichi professionali conferiti dall’amministrazione (vi sono, tuttavia, alcune sentenze di segno opposto, così come il parere del Consiglio Nazionale Forense).

D. Possono svolgere contemporaneamente l’attività di insegnamento e quella di avvocato soltanto i docenti della scuola secondaria di II grado, considerato che l’insegnamento delle materie giuridiche è previsto esclusivamente in questo grado di istruzione?

R. No, l’articolo 19 della legge n. 247/2012 summenzionata non riguarda gli avvocati iscritti all’albo già alla data di entrata in vigore della citata legge (2 febbraio 2013), per i quali si applica, invece, quanto previsto dall’articolo 3, comma 4, del R.D. n. 1578/1933; pertanto, il docente/avvocato, iscritto all’albo prima del 2 febbraio 2013, può continuare ad esercitare la professione di avvocato pur non insegnando discipline giuridiche.

Insegnante con secondo lavoro: dalle lezioni private alla libera professione all’amministratore di condominio. Quando serve l’autorizzazione [LE FAQ]

Stampa
Chiedilo a Lalla

Invia il tuo quesito a [email protected]
Le domande e le risposte saranno rese pubbliche, non si accettano richieste di anonimato o di consulenza privata.

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur