Supplenze ATA III fascia, in Toscana casi in cui si riconvoca da graduatorie del 2014

Stampa

Prosegue la pubblicazione di note da parte degli Uffici Scolastici Regionali relativamente alla proroga delle graduatorie di Istituto di III fascia ATA per l’a.s. 2017/18 e alle modalità con cui agire riguardo ai contratti di supplenza sino ad avente diritto in essere.

Dopo il Veneto e l’Emilia Romagna, è la volta dell’USR Toscana che detta indicazioni differenti rispetto ai primi due.

L’USR evidenzia che  i suddetti contratti, sino ad avente titolo, possono essere confermati (quindi trasformati sino al 30/06 o 31/08) esclusivamente se questi siano avvenuti “nel rispetto dell’ordine di graduatoria della terza fascia del precedente triennio”.

La trasformazione del contratto, dunque, senza riscorrere le graduatorie, può avvenire soltanto se la supplenza sia stata attribuita rispettando l’ordine di graduatoria.

Al fine suddetto, i dirigenti scolastici, prima di procedere con la stipula
dei nuovi contratti,  dovranno verificare se le nomine da conferirsi in via definitiva rispettino le posizioni di graduatoria degli aventi diritto.

Se le predette posizioni non sono state rispettate, si dovranno riscorrere le graduatorie. In tal caso, l’USR suggerisce di procedere in maniera coordinata
su base provinciale (in considerazione degli effetti indiretti dell’eventuale modifica di alcune nomine) completando tutte le operazioni il prima possibile, comunque non oltre la fine del mese in corso.

nota USR

Stampa

Il nuovo programma di supporto gratuito Trinity per docenti di lingua inglese