Argomenti Chiedilo a Lalla

Tutti gli argomenti

Supplenze ATA: è possibile differire la presa di servizio per giustificato motivo come la “quarantena”

Stampa

Supplenze, anche temporanee. Può capitare che l’aspirante al quale spetti l’incarico per scorrimento della graduatoria, si trovi nell’impossibilità di accettare il lavoro (es. altro lavoro, malattia…). In casi che si configurano come “giustificato motivo” è possibile differire la presa di servizio, sempre che la stessa ricada all’interno del periodo di supplenza offerto.

Buongiorno le scrivo perché ieri ho saputo una notizia che mi ha lasciato un po incredula, per questo le chiedo conferma. Mio figlio  è iscritto nelle graduatorie ATA 3° fascia. Ha ricevuto ieri una convocazione per una supplenza come CS di 4/5 giorni che gli servirebbero per arrivare ai 16 giorni utili a ottenere così punti 0,50. Lui non ha risposto in quanto si trova in quarantena fiduciaria per una positività in famiglia, un’amico però mi ha detto che avrebbe potuto accettare lo stesso, comunicare alla scuola che lo ha contattato della sua disponibilità ad accettare la supplenza ma anche della sua momentanea impossibilità a muoversi da casa. Presentando un certificato medico di giustificazione avrebbe ottenuto lo stesso il punteggio. E’ possibile tutto ciò? Resto in attesa di una sua risposta in merito e le porgo cordiali saluti

di Giovanni Calandrino – in linea generale assolutamente si. In questo caso avrebbe potuto tranquillamente accettare la supplenza con differimento delle presa in servizio per giustificato motivo.

Cosa significa presa di servizio

È l’atto attraverso il quale, la scuola avvia tutte le pratiche amministrative per l’assunzione in servizio del docente e inserirlo così nell’organico scolastico per l’anno in corso, nonché per il pagamento dello stipendio.
Non è possibile fare delega e la presa di servizio va fatta in presenza, presso la segreteria della sede centrale dell’istituzione scolastica alla quale si è destinati, anche se poi il servizio effettivo potrà essere svolto in altra sede.
La mancata assunzione di servizio dopo l’accettazione, attuatasi anche mediante la presentazione preventiva di delega, comporta la perdita della possibilità di conseguire supplenze, sia sulla base delle GAE che delle GPS, nonché sulla base delle graduatorie di istituto, per il medesimo insegnamento (OM.60, comma 1, a) ii.

Quando si può differire presa di servizio

È possibile differire la presa di servizio ai sensi dell’ art. 560 del Dlgs 297/94:

La nomina dell’impiegato che per giustificato motivo assume servizio con ritardo sul termine prefissogli decorre, agli effetti economici, dal giorno in cui prende servizio. Colui che ha conseguito la nomina, se non assume servizio senza giustificato motivo entro il termine stabilito, decade dalla nomina”.

Anche l’annuale nota sull’Istruzioni e indicazioni operative in materia di supplenze chiarisce quanto segue: “E’ inoltre estesa al personale a tempo determinato la possibilità di differire la presa di servizio per i casi contemplati dalla normativa (es. maternità, malattia, infortunio, etc…)”

Conseguenze differimento presa di servizio

L’eventuale differimento della presa di servizio per un giustificato motivo (es. malattia) comporterà anche il differimento della decorrenza economica ma permette di mantenere la validità giuridica della nomina.
Questa la normativa generale. Nel caso specifico bisogna prendere in considerazione se la presa di servizio dovesse essere posticipata rispetto alla conclusione della supplenza. Potrebbe essere questo il motivo per cui la segreteria non ha proposto tale possibilità.

Stampa
Chiedilo a Lalla

Invia il tuo quesito a [email protected]
Le domande e le risposte saranno rese pubbliche, non si accettano richieste di anonimato o di consulenza privata.

Graduatorie terza fascia ATA: incrementa il punteggio con le offerte Mnemosine, Ente accreditato Miur