Supplenze ATA Covid: 0,50 punti al mese. Punteggio utile per aggiornamento terza fascia nel 2021

Stampa

Sono iniziate le convocazioni per le supplenze Covid relative al personale ATA. Alcuni aspiranti si chiedono come viene valutato il servizio svolto per questo tipo di supplenza valido esclusivamente nell’anno scolastico in corso e solo per le scuole dove ce ne sia l’effettiva esigenza.

Le supplenze cosiddette Covid sono regolamentate dall’Om n. 83 del 5 agosto 2020 concernente le misure per la ripresa dell’attività didattica in presenza nell’anno scolastico 2020/2021 nel rispetto delle misure di contenimento dell’emergenza epidemiologica da Covid-19.

I dirigenti degli uffici scolastici regionali sono stati autorizzati a derogare, ove strettamente necessario e per il solo anno scolastico 2020/2021, ai limiti nel numero massimo degli alunni per classe e ad attivare incarichi temporanei di personale docente e ATA. I contratti, ai sensi dell’articolo 3 dell’Om sopra citata, sono assimilabili alle supplenze temporanee e hanno decorrenza giuridica ed economica dalla data di inizio delle lezioni o dalla effettiva presa di servizio e hanno durata fino al termine delle lezioni. Il termine delle lezioni varia in base ai calendari deliberati dalle Regioni.

I posti relativi ai contratti Covid non sono disponibili per utilizzazioni e assegnazioni provvisorie. In caso di sospensione delle attività didattiche in presenza, i contratti si
intendono risolti per giusta causa, senza diritto ad alcun indennizzo. In caso di cessazione della sospensione, alla ripresa dell’attività didattica in presenza, i contratti sono riassegnati ai precedenti titolari, ove ancora disponibili.

Per ciò che concerne nello specifico il personale ATA si procede ai sensi dell’articolo 1, comma 1, lettera c), dell’articolo 5 e dell’articolo 6 del decreto del Ministro della pubblica istruzione 13 dicembre 2000, n. 430, in ogni caso non oltre il termine delle lezioni. Le supplenze Covid sono quindi assimilabili alle supplenze brevi o temporanee ed è possibile lasciare una supplenza di questo tipo per una fino al 30 giugno.

Punteggio supplenze ATA Covid

Il punteggio del servizio svolto viene calcolato come le altre supplenze ATA. Seguendo pertanto la tabella del Dm 640/2017, per ogni mese, ovvero frazione superiore a 15 giorni, di servizio prestato nelle scuole statali si accumulano 0,50 punti.

Il punteggio potrà essere inserito al momento della presentazione della domanda di aggiornamento delle graduatorie di terza fascia, atteso nel 2021. Risulterà utile per gli aspiranti che desiderano avere una posizione più vantaggiosa nelle graduatorie e per il raggiungimento dei 24 mesi, requisito necessario per il passaggio in prima fascia.

Per aumentare invece il punteggio derivante dai titoli di cultura, non si conoscono i dettagli del nuovo decreto, che potrebbe anche subire delle modifiche rispetto a quello del 2017. ATA, graduatorie terza fascia: punteggio troppo basso, cosa fare?

 

Stampa

Eurosofia: Analisi Comportamentale Applicata (ABA) tra i banchi di scuola. Non perderti questa grande opportunità formativa