Supplenze ATA: convocazione con punteggio errato, cosa fare

di redazione

item-thumbnail

Graduatorie III fascia ATA: può accadere che le convocazioni vengano disposte su punteggi errati. Le scuole devono tenere conto anche dei decreti di rettifica. 

Scrive una nostra lettrice

Con la presente vorrei porre un quesito su quanto in oggetto.ho ricevuto diverse convocazioni per personale ata sulla base di un punteggio che è sbagliato..

In occasione della prima supplenza a novembre 2018, dopo aver verificato su istanze on line che il punteggio era sbagliato, (la scuola capofila aveva attribuito erroneamente da sistema 3 in più) ho fatto rettificare il punteggio sia alla capofila che alla scuola che mi aveva nominato, con conseguente revoca della supplenza.

Ora continuo a ricevere convocazioni ma continuo a non accettare perché il punteggio è errato e in seguito alla convalida titoli mi vedrei di nuovo revocata la supplenza…

La capofila dice che ha modificato il punteggio e mandato la rettifica alle altre scuole scelte…ma che il sistema non consente di aggiornare la graduatoria definitiva…

Faccio bene a non accettare?

risposta di Giovanni Calandrino – Gentilissima Francesca, la scuola che ha gestito la valutazione della domanda (dopo sua giusta segnalazione/reclamo di “errata attribuzione di punteggio”) deve necessariamente pubblicare un decreto di variazione/rettifica punteggio. In questo caso, se risulta impossibile la correzione tramite SIDI (perché le aree risultano chiuse), il DS deve emettere un decreto cartaceo con la corretta attribuzione del punteggio da INVIARE ALLE RESTANTI 29 SCUOLE come da modello D3.

Le restanti 29 scuole devono necessariamente apportare una modifica manuale alla loro graduatoria di istituto altrimenti continueranno a convocarla con il punteggio errato.

Invia il tuo quesito a [email protected]

Le domande e le risposte saranno rese pubbliche, non si accettano richieste di anonimato o di consulenza privata.
Per le istituzioni scolastiche. Consulenza specifica e risposta garantita. Gratuitamente [email protected]

Versione stampabile
Argomenti:
ads ads