Supplenze, assunta con laurea triennale: ho un futuro nella scuola?

di redazione
ipsef

item-thumbnail
evidenziando che si tratta di un fenomeno che si allarga a macchia d’olio in alcune province, mentre in altre le graduatorie di II fascia di istituto sono ancora piene.
Riceviamo questa mail
Sono laureata in scienze dell’educazione. Con la mia triennale io posso essere educatrice, non docente, ma nonostante ciò inviando la MAD sono riuscita ad entrare in una scuola dell’infanzia per un sostegno. Il 30 giugno ovviamente mi scadrà il contratto ma io avrò la possibilità a settembre di essere tenuta nuovamente in considerazione oppure no? Non capisco se io posso avere un futuro nel mondo della scuola dell’infanzia nonostante non abbia i requisiti principali, ma soprattutto vorrei sapere se posso fare il concorso per la scuola dell’infanzia e primaria che a breve dovrebbe uscire.
Chiedo gentilmente una considerazione a questa mia perplessità in quanto molte altre ragazze si trovano come me in questa situazione. Grazie
Ancora una volta una assunzione senza titolo di accesso, nonché la maturazione di una aspettativa occupazionale.

Supplenza fino al 30 giugno 2020: e il prossimo anno?

io avrò la possibilità a settembre di essere tenuta nuovamente in considerazione oppure no?”
Se la supplenza è stata conferita in una scuola statale, va detto che anche se la docente avesse il titolo di accesso, in ogni caso il prossimo anno bisognerà scorrere nuovamente le graduatorie prima di passare alla MAD (domande di messa a disposizione).
Il docente che ha svolto una supplenza non matura alcun titolo di preferenza per un successivo incarico sulla stessa scuola, ossia non c’è continuità didattica, se non a livello fortuito.
Ricordiamo anche che in primavera dovranno essere rinnovate le graduatorie di istituto, per cui in II fascia potranno inserirsi nuovi docenti con il titolo.

Titoli per insegnare nella scuola di infanzia e primaria

Sono indicati dal Miur in una apposita pagina

  • Laurea in Scienze della formazione primaria (titolo abilitante all’insegnamento –  art. 6, Legge 169/2008)
  • Diploma Magistrale o Diploma di Liceo Socio-Psico-Pedagogico o Diploma sperimentale a indirizzo linguistico conseguito entro l’anno scolastico 2001-2002 (DM 10 marzo 1997) (titolo abilitante all’insegnamento).

Concorso ordinario infanzia e primaria: a breve

A breve è atteso il concorso ordinario infanzia e primaria, per circa 17.000 posti. I requisiti di accesso sono unicamente quelli utili per l’insegnamento, non è possibile superare il titolo d’accesso con eventuale servizio svolto.

Pertanto la laurea triennale non è titolo di accesso all’insegnamento nella scuola di infanzia e primaria e il fatto di lavorare in maniera fortuita non dà diritto ad eventuale partecipazione al concorso.

Concorso a cattedra Infanzia e Primaria, bando entro fine 2019: è scritto nel DEF. Chi può partecipare, cosa studiare?

Versione stampabile
Argomenti:
soloformazione