Supplenze, ancora cattedre scoperte: al Nord la situazione più critica

WhatsApp
Telegram

Il refrain dell’ex Ministro dell’istruzione Patrizio Bianchi durante la sua avventura a Viale Trastevere era: tutti gli insegnanti al loro posto per l’inizio delle lezioni, anche i supplenti. In verità, per il secondo anno consecutivo, non è stato così. Specialmente al Nord ancora, con dicembre alle porte, ci sono cattedre scoperte.

In verità i tecnici ministeriali stanno esaminando il dossier relativo alla situazione critica delle supplenze ma al momento dati ufficiali non ce ne sono, spiega Italia Oggi, che però ha sentito alcuni dirigenti scolastici per tastare la situazione attuale.

Ad esempio, se in un istituto comprensivo di Palermo, la situazione non è affatto negativa, con tutte le cattedre al completo, al Nord, in un istituto professionale di Milano, la storia è diversa: “Su un organico di 180 docenti fra materia e sostegno, le supplenze fin qui susseguite sono circa 130 e al momento restano 4 cattedre ancora scoperte“.

Troppe per essere a dicembre. Il problema è che al Nord sembra essere molto frequente tale scenario. Molto più che al Sud.

La colpa di tale situazione? molti puntano il dito sul sistema informatizzato delle supplenze, che gestisce le Gps da ormai 3 anni. Ne è convinta anche Cristina Costarelli, presidente ANP Lazio: “Nonostante la promessa dell’ex Ministro Bianchi di avere tutti i docenti prima dell’avvio dell’anno scolastico, ci siamo trovati nella situazione di sempre, con un quadro che solo adesso inizia a stabilizzarsi“.

Secondo la dirigente scolastica, molti problemi derivano dal fatto che gli errori non possono correggersi per tempo mentre “con la scelta cartacea, se c’erano informazioni errate a sistema, queste venivano risolte immediatamente“.

Il problema però non sarebbe per tutti il sistema informatizzato in sé ma capire le ragioni e i motivi degli errori. E ovviamente, cercare di modificare il sistema, migliorarlo.

Un preside lombardo, sempre come riportato da Italia Oggi, evidenzia i problemi delle tempistiche: “Le nomine da Gps vanno avanti per mesi fino a quando il provveditorato le ha fatte scorrere fino all’ultimo nominativo, con un limite massimo posto al 31 dicembre, e solo dopo possiamo ricorrere alle graduatorie di istituto a quelle delle scuole vicine e successivamente alle MAD e quindi completare l’organico“.

In tante province, come sappiamo, è tempo di scorrere le graduatorie di istituto perché le GPS sono esaurite, oppure per assegnare supplenze temporanee (max ultimo giorno di lezione), mentre i contratti con clausola si interrompono perchè arrivano i vincitori del concorso straordinario bis e si riparte con nuovi turni da GPS.

Se le GPS sono esaurite, bisogna scorrere le graduatorie di istituto. Vai agli avvisi degli Uffici Scolastici

ATTENZIONE: Supplenze da graduatorie di istituto: non rispondere alla convocazione equivale a rinuncia

Supplenze docenti da graduatorie di istituto: come visualizzare tutte le convocazioni ricevute. Il percorso

Se le graduatorie sono esaurite, i Dirigenti Scolastici si affidano alle MAD.

Avvisi nazionali aperti. Ecco per quali classi di concorso

Supplenze docenti: ancora divieto per le MAD, revocati i contratti stipulati in attesa dei vincitori del concorso straordinario bis, ma nuovi turni da GPS [LO SPECIALE]

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur