Supplenze, a Vicenza ancora 2.500 cattedre da assegnare

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Lo riferisce il Giornale di Vicenza: si tratta di 1.450 cattedre scoperte alla scuola secondaria di I grado e 925 nel secondo grado, più 200 posti ancora da assegnare per infanzia e primaria.

A spiegare la situazione Lorenzo Gaggino, dirigente scolastico e presidente regionale dell’ANP,

Da un lato lo svuotamento delle graduatorie ad esaurimento, operazione di per sè apprezzabile, ma che in alcuni casi ha comportato diverse problematiche per la scuola, a partire dal fatto che con la fase C del potenziamento sono stati inviati alle scuole docenti che insegnano discipline diverse rispetto a quelle richieste. E dunque un surplus di insegnanti utilizzato per le sostituzioni di pochi giorni dei colleghi.

Ad aggravare la situazione anche la chiamata diretta, sia perchè alcune chiamate sono state effettuate al buio, senza conoscere i candidati, sia perchè alcuni Dirigenti non hanno voluto utilizzare il nuovo strumento e ancora una volta si sono affidati all’Ufficio Scolastico per l’assegnazione dei docenti.

E poi, molti docenti hanno ottenuto assegnazione provvisoria, di fatto lasciando scoperto il posto, o richiesto periodi di malattia.

Ecco come alla prima settimana di novembre un numero così alto di cattedre non ha ancora un insegnante definitivo per l’anno scolastico.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief voglioinsegnare