Supplenze 2021, potranno ancora esserci cattedre al 31 agosto e 30 giugno da assegnare. A chi vanno

Stampa
chigi

Gli aspiranti non nominati dalle graduatorie ad esaurimento (GaE) e dalle graduatorie provinciali per le supplenze (GPS), tramite la procedura informatizzata in corso di svolgimento, possono concorrere all’attribuzione di nuovi incarichi in caso di ulteriori disponibilità: condizioni. Quando si può lasciare una supplenza conferita dalle graduatorie di istituto. 

Supplenze 2021/22

Gli aspiranti inclusi nelle GaE e nelle GPS hanno presentato domanda, tramite Istanze Online, nel periodo compreso tra il 10 e il 21 agosto 2021, al fine di partecipare all’attribuzione delle supplenze al 30/06 e al 31/08.

Con la medesima domanda, gli aspiranti inseriti nelle GPS prima fascia ed elenchi aggiuntivi hanno potuto partecipare (se in possesso dei previsti requisiti) anche all’attribuzione degli incarichi annuali finalizzati al ruolo, di cui all’articolo 59, comma 4, del DL n. 73/2021 (decreto sostegni-bis, convertito in legge n. 106/2021).

La procedura informatizzata relativa all’attribuzione delle supplenze al 30 giugno e al 31 agosto è iniziata, sebbene non in tutte le province.

Scorrimenti GaE e GPS per rinunce o nuove disponibilità: chi può ottenere la supplenza?

Espletate le operazioni di attribuzione delle supplenze al 31/08 e al 30/06, secondo la suddetta procedura informatizzata, in caso di rinunce o successive disponibilità, i relativi posti e/o cattedre verranno assegnati sempre da GaE e GPS. Lo scorrimento di tali graduatorie, infatti, è possibile sino al 31 dicembre, fermo restando che non siano esaurite (come affermato anche dalla sindacalista dell’Anief, Chiara Cozzetto, in uno dei nostri “question time”). In questo caso (ossia in caso di esaurimento), i posti/cattedre sono restituiti alle scuole e i dirigenti scolastici li assegnano scorrendo le relative graduatorie di istituto.

Quali aspiranti potranno ottenere supplenze su nuove disponibilità o su posti/cattedre liberi a causa di rinunce?

In caso di successive disponibilità, possono ottenere l’incarico da GaE e GPS i soli docenti che:

  • abbiano presentato domanda entro il 21 agosto 2021;
  • non siano stati riguardati dalle nomine, ossia quei docenti per i quali il sistema non è giunto alla posizione dagli stessi occupata in graduatoria.

Non possono, invece, concorrere per le nuove disponibilità i docenti:

  • che non abbiano presentato domanda entro il 21 agosto 2021;
  • che non abbiano ottenuto la supplenza, pur essendo in posizione utile, in quanto non hanno espresso alcune sedi ove erano presenti posti disponibili (la mancata espressione di una o più sedi, infatti, è considerata come rinuncia per quella/e sede/i – vedi circolare n. 25089/2021 ).

Lasciare supplenza da GI per GaE o GPS

Nel frattempo i docenti interessati potrebbero essere chiamati per le supplenze temporanee conferite dai Dirigenti Scolastici tramite lo scorrimento delle graduatorie di istituto (le venti scuole inserite nella domanda presentata entro il 6 agosto 2020).

In caso di nuove disponibilità al 31 agosto o 30 giugno (sopraggiunte, come detto sopra, per rinuncia o perché si sono liberati nuovi posti), i docenti eventualmente impegnati in supplenze brevi e temporanee, possono lasciare tali supplenze per accettare quella da GaE e GPS?

La risposta è affermativa, come disposto dall’art. 14, comma 2, dell’OM n. 60/2020, ripreso dalla circolare n. 25089/2021:

Il personale in servizio per supplenza conferita sulla base delle graduatorie di istituto ha comunque facoltà di lasciare tale supplenza per accettare una supplenza ai sensi dell’articolo 2, comma 4, lettere a) e b). 

Dal testo sopra riportato, si evince che l’aspirante può lasciare tutte le supplenze conferite da graduatorie di istituto, anche al 30/06 o al 31/8 per accettare supplenze da GaE e GPS (ricordiamo che è possibile assegnare supplenze al 30 giugno e al 31 agosto dalle GI, quando le GaE e le GPS sono esaurite).

OM 60/2021

Nota supplenze 2021/22

Stampa

Nel prossimo incontro de L’Eco digitale di Eurosogia parleremo di: “Il coding nella scuola del primo ciclo: imparare divertendosi”