Supplenza su spezzone: come si abbina, quando è possibile lasciarla

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Sono in corso di svolgimento le nomine a tempo determinato. Per le convocazioni da GaE bisogna seguire le indicazioni pubblicate sul sito dell’ufficio Scolastico, per quelle di istituto invece tutti i canali comunicati in occasione della presentazione della domanda (num. telefono, email).

Circolare sulle supplenze

Il Miur ha disciplinato, come ogni anno, l’assegnazione delle supplenze attraverso una specifica circolare.

Abbbiamo realizzato uno speciale per metterne in evidenza tutte le informazioni. Supplenze 2018/19: novità, sanzioni, diplomati magistrale, sostegno, potenziamento

Supplenza su spezzone

La circolare afferma “Durante il periodo di espletamento delle operazioni di attribuzione di supplenze e prima della stipula dei relativi contratti, è consentito rinunciare ad uno “spezzone” per accettare una supplenza su posto intero sino al 30 giugno o 31 agosto, purché all’atto della convocazione non fossero disponibili cattedre o posti interi, fatta salva comunque, in ogni modo, la possibilità del completamento orario”

Dunque lo spezzone si può lasciare oppure completare. Quel “ogni modo” implica la possibilità di spezzettare una nuova disponibilità pur di assicurare il completamento. In ogni caso questa operazione è consentita prima della stipula dei relativi contratti.

Come si possono abbinare gli spezzoni

Su questo la circolare non fornisce alcuna indicazione. Ci pensano alcuni Uffici Scolastici.

Così ad es. l’USR Veneto

Gli aspiranti di scuola secondaria di 1° e 2° grado possono scegliere:

  • una cattedra intera (interna all’istituto oppure tra due o più istituti);
  • un singolo spezzone superiore a 6 ore;
  • un raggruppamento di 2 spezzoni, ciascuno dei quali superiore a 6 ore, proposto dall’Ufficio Scolastico territoriale;
  • l’abbinamento di 2 spezzoni residui, ciascuno dei quali superiori a 6 ore, non già associati.
  • Non è consentito modificare le cattedre orario esterne già costituite. L’abbinamento di spezzoni residui deve tenere presente il criterio della facile raggiungibilità, in relazione alla rete stradale e alla presenza di adeguati mezzi pubblici di trasporto in modo da non compromettere lafunzionalità del servizio nelle scuole coinvolte

Gli abbinamenti tra spezzoni di scuole diverse nella scuola dell’infanzia saranno disposti esclusivamente dagli Uffici Scolastici Territoriali dopo aver accertato la compatibilità oraria. Gli aspiranti pertanto potranno scegliere un singolo spezzone o un abbinamento già disposto dall’Ufficio Scolastico Territoriale.

Scelta spezzoni o abbinamenti tra spezzoni – scuola primaria Anche nella scuola primaria gli spezzoni potranno essere abbinati dopo aver accertato la compatibilità oraria.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione