Supplenza brevi e saltuarie, nota MIUR per pagamento tempestivo e responsabilità DS

di Nino Sabella
ipsef

item-thumbnail

Il Miur ha pubblicato la nota n. 16294 del 28/10/2016, con la quale ha fornito apposite indicazioni tecniche e operative per l’applicazione di quanto previsto nel DPCM del 31 agosto 2016, emanato in applicazione dell’articolo 1-sexies (incarichi di supplenza breve e saltuaria) del DL n. 29/2016.

Ricordiamo che il suddetto decreto si propone la finalità di risolvere la problematica relativa al pagamento delle supplenze brevi e saltuarie, retribuite ai docenti con ritardi talvolta eccessivi, e conseguentemente assicurarne un tempestivo pagamento. A tal fine, nella nota si richiama l’attenzione sulla corretta procedura da seguire per la stipula dei contratti per le supplenze brevi e sulle fasi di acquisizione in SIDI degli stessi.

Il Miur ricorda in premessa le diverse tipologie di supplenza, evidenziando che si considerano supplenze brevi e saltuarie tutte quelle diverse dagli incarichi al 31/08 o al 30/06.

Nella nota si evidenzia la responsabilità del dirigente scolastico nell’individuare la corretta tipologia di supplenza di volta in vola ricorrente, costituendo ciò un adempimento fondamentale ai fini dell’esatta imputazione delle relative spese.

Una non corretta imputazione delle spese comporta l’insorgere di specifica responsabilità, come precisato nel DPCM suddetto: “gli adempimenti e il rispetto dei termini di pagamento delle supplenze brevi influiscono sulla valutazione dei dirigenti”.

Le supplenze devono essere pagate entro 30 giorni, secondo una procedura articolata nelle seguenti fasi:

  1. Inserimento tempestivo in SIDI dei dati giuridici delle assenze del personale titolare;
  2. Individuazione della corretta tipologia di contratto;
  3. Compilazione dei campi del contratto pertinente, selezionato nel sistema SIDI;
  4. Acquisizione, convalida e trasmissione dei contratti al sistema NoiPa entro i successivi  tre giorni lavorativi;
  5. Monitoraggio continuo dei contratti inseriti sino all’accertamento dello stato del contratto ad “accettato da NoiPa”;
  6. Preso atto dell’accettazione da parte di NoiPa, occorre procedere all’inserimento immediato in SIDI e alla trasmissione a NoiPa di tutte le variazioni di stato giuridico (VSG), dell’assegno al Nucleo Familiare e delle rettifiche di quanto già trasmesso riguardanti ogni singolo contratto di supplenza per l’eventuale ricalcolo del cedolino;
  7. La restituzione degli esiti da parte di NoiPa permette di passare alla fase successiva di “Autorizzazione” da parte del DSGA e del DS ;
  8. Autorizzazione della rata di ogni contratto entro due giorni lavorativi dalla conclusione del contratto medesimo se questo termina nel mese o nei primi due giorni lavorativi del mese successivo se si tratta di contratti di durata superiore al mese.

A seguito dell’autorizzazione del pagamento delle rate, qualora si rendesse necessaria un’ulteriore assegnazione di risorse a copertura dei POS, il sistema NoiPa inoltra, entro una giornata lavorativa, la richiesta di verifica delle disponibilità finanziaria al sistema spese di RGS, ricevendo contestualmente l’esito del controllo di capienza.

Al fine di garantire il pagamento mensile delle supplenze brevi e per rientrare nell’emissione straordinaria prevista da NoiPa il 18 di ogni mese, il Miur  invia i Piani di Riparto all’UCB, entro i primi 7 giorni lavorativi del mese, in modo da assegnare le disponibilità finanziarie sui POS di ogni scuola per i pagamenti autorizzati entro i primi due giorni lavorativi del mese.

Affinché la suddetta procedura venga rispettata, il Miur  effettuerà delle verifiche a campione sul territorio nazionale e potrà effettuare ulteriori verifiche anche tramite i revisori dei conti.

La nota

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione