I supplenti potranno svolgere al massimo 36 mesi di servizio. Poi non potranno più lavorare?

WhatsApp
Telegram

Una bella domanda alla quale il testo del DDL "La Buona scuola" dovrà rispondere. Al momento ci possiamo attenere al contenuto del Decreto e alle indiscrezioni giornalistiche.

Una bella domanda alla quale il testo del DDL "La Buona scuola" dovrà rispondere. Al momento ci possiamo attenere al contenuto del Decreto e alle indiscrezioni giornalistiche.

La sentenza della Corte di giustizia europea che ha condannato l'Italia per la reiterazione dei contratti a tempo determinato, ha portato il Ministero a cercare delle contromisure.

Una di queste è contenuta nel testo del Decreto "La Buona scuola" che sarà trasformato in DDL. Infatti i docenti precari non potranno fare supplenze oltre i 36 mesi.

Cosa significherà ciò?

Secondo quanto riporta il quotidiano Italia Oggi, al ministero si starebbe pensando a vietare ai docenti di svolgere supplenze oltre i 36 mesi di servizio.

Per attuare il provvedimento, i docenti dovranno autocertificare di non aver raggiunto il tetto, pena false dichiarazioni e reato di truffa, al fine di sollevare il dirigente da qualsiasi responsabilità ed evitare richieste di risarcimento o di stabilizzazione.

Il dirigente, inoltre, se dovesse assegnare  una supplenza ad un docente con più di 36 mesi di servizio, sarà costretto a sborsare di tasca propria l'eventuale richiesta di risarcimento da parte del docente.

Misure che avranno un peso relativo, però, se si realizzerà quanto orchestrato dal Governo, l'eliminazione delle supplenze attraverso la gestione con l'organico funzionale.

Certo è che, se tutto ciò verrà confermato, i docenti con più esperienza e lunga data di servizio in questo modo si troveranno penalizzati.

A rigore, ciò non dovrebbe accadere perchè l'architettura congegnata dal Ministero prevede l'espletamento del concorso ogni 3 anni, e quindi giusto in tempo per permettere ai docenti con 36 mesi di servizio su posti vacanti e disponibili di acquisire eventuale riserva di posti. 

Vedremo cosa si inventerà il Ministero. Al momento, il testo del Decreto prevede solo il divieto di supplenze oltre i 36 mesi e dei risarcimenti, anche per i docenti di ruolo. Riforma scuola. Risarcimenti da 2,5 a 10 mensilità per abuso di precariato, anche a docenti di ruolo

  • 2,5 mensilità per contratti di durata complessiva di servizio prestato tra 3 e 5 anni
  • 6 mensilità tra 5 e 10 anni
  • 10 mensilità per durata servizio su posti vacanti e disponibili superiore a 10 anni.

Tutto sulla Buona scuola

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur