Supplente trattata da “ultima arrivata”. Solo ore di potenziamento, alternativa, mensa, immagine e motoria

WhatsApp
Telegram

“Non sono né carne né pesce”, così esordisce l’insegnante che scrive alla nostra redazione.

Una supplente annuale (ce ne saranno ancora 85.000 nell’a.s. 2017/18), che lamenta ancora, dopo 12 anni di precariato, le modalità con cui le scuole organizzano l’orario dell’ultima arrivata.

Perché – così le viene spiegato – la Preside non sapeva quando avrebbe avuto l’insegnante e non sapendo chi arrivava (!) ha preferito distribuire le ore tra le insegnanti già conosciute, lasciando scoperte le ore pomeridiane.

“Ritengo tutto questo mortificante, non si può accogliere così un’ insegnante facendola sentire l’ultima ruota del carro, eppure ho ricevuto una nomina da parte dell’ USP. Non ho niente di più e niente di meno rispetto ai  miei colleghi tanto che le disposizioni in materia di organici contenute nella legge 107/15, riportano ” non esiste distinzione contrattuale tra docenti curricolari e docenti di potenziamento. I docenti assegnati alle scuole entrano tutti a far parte di un’unica comunità di pratiche” Perchè quindi solo io devo fare le mense e i dopomensa? Non ho diritto ad insegnare altre materie oltre a immagine e motoria?”

Ancora una volta, in questo inizio di anno scolastico, il potenziamento fa parlare di sè, creando malumori e dissapori all’interno delle scuole. Evidentemente qualcosa non funziona.

Forse comincia ad accorgersene anche chi finora lo ha difeso senza un margine di confronto.

Malpezzi (PD) a docenti ed intellettuali: non siate scettici. Potenziamento e scuola lavoro rimangono ma possono essere migliorati

I problemi da affrontare in questo caso sono due: da una parte l’orario, che l’insegnante ritiene essere limitante rispetto a quello delle colleghe (impegnata sempre e solo di pomeriggio), dall’altro le attività. Immagine e motoria nella scuola primaria (come in tutti gli altri ordini) sono discipline che hanno la stessa dignità delle altre e nell’organizzazione di un orario a nostro parere bisognerebbe tenerne conto.

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito