Supplente non riceve stipendio da due mesi: “Mi licenzio”

Stampa

Nei giorni scorsi, abbiamo riferito sull’emissione speciale a favore dei supplenti brevi, sottolineando che l’emissione non avrebbe riguardato tutti.

Stipendio supplenti. Dal 23 gennaio pagamenti dovrebbero essere regolari

La questione stipendi per i precari si è riproposta anche quest’anno anno,  nonostante la messa a regime delle nuove disposizioni (DPCM 31 agosto 2016) che avrebbero dovuto risolvere il problema.

In alcuni casi la situazione diventa insostenibile, spingendo sino al licenziamento, come avrebbe voluto fare una maestra a Pordenone, come riferisce il “Messaggero Veneto-edizione di Pordenone”.

La maestra in questione non riceve lo stipendio da due mesi e le spese correnti non attendono certo i tempi dell’Amministrazione.  La sua lettera di licenziamento, al momento,  non è arrivata a destinazione in quanto un sindacalista le ha consigliato di attendere, ma la situazione è davvero insostenibile.

Sempre a Pordenone, una collaboratrice scolastica lavora su due scuola, ma percepisce al momento lo stipendio per sole 24 ore anziché 36.

I precari, che lavorano a Pordenone, leggiamo ancora nel suddetto giornale, tirano a campare con prestiti chiesti a famiglie oppure al banco postale e con le lezioni private.

Stampa

Eurosofia. Aggiornamento Ata: corso di dattilografia a soli 99 euro. Iscriviti ora