Per superare il precariato si apra un immediato confronto con i sindacati

di redazione
ipsef

La FLC CGIL ritiene urgente puntare al rapido esaurimento delle graduatorie attraverso un piano straordinario pluriennale di immissioni in ruolo che dia prospettive certe a tutto il personale abilitato o che intende abilitarsi e che attualmente risulta escluso da tali procedure.

La FLC CGIL ritiene urgente puntare al rapido esaurimento delle graduatorie attraverso un piano straordinario pluriennale di immissioni in ruolo che dia prospettive certe a tutto il personale abilitato o che intende abilitarsi e che attualmente risulta escluso da tali procedure.

La FLC CGIL, continua a denunciare la situazione di incertezza in cui vivono da anni i precari della scuola, a causa delle continue modifiche delle regole di gestione delle graduatorie, che hanno alimentato il contenzioso e che hanno visto l’applicazione di sentenze a volte in contrasto l’una con l’altra (di cui il Ministro Gelmini deve assumersi tutte le responsabilità), aggravata dalla politica dei tagli e dall’emergenza dei licenziamenti.

La FLC CGIL chiede, al Governo, un incontro urgente, per discutere complessivamente le politiche sul reclutamento del personale scolastico e per rivedere, in un contesto pluriennale, anche la natura e le modalità di utilizzazione delle attuali graduatorie garantendo, con regole certe e stabili, parità di diritti a tutti gli aspiranti inclusi.

Chiediamo un intervento urgente perché i precari della scuola rimangono una risorsa professionale indispensabile per garantire la qualità del servizio pubblico d’istruzione e formazione del nostro paese.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione