Sull’illegittimo inserimento dei tempi del DDL “Buona scuola” negli ODG dei collegi docenti

WhatsApp
Telegram

USB –Pubblico Impiego/Scuola – Lombardia – Apprendiamo con sconcerto che molti Dirigenti Scolastici degli Istituti Scolastici lombardi stanno inserendo negli Ordini del Giorno dei Collegi Docenti di fine anno scolastico, temi riconducibili al D.D.L. 1934/2015, ovvero al cosiddetto DDL “Buona Scuola”, nonostante esso sia attualmente ancora in discussione in Parlamento e non sia stata promulgata alcuna normativa che chieda alle scuole di mettere questi temi all’ordine del giorno dei propri collegi.

USB –Pubblico Impiego/Scuola – Lombardia – Apprendiamo con sconcerto che molti Dirigenti Scolastici degli Istituti Scolastici lombardi stanno inserendo negli Ordini del Giorno dei Collegi Docenti di fine anno scolastico, temi riconducibili al D.D.L. 1934/2015, ovvero al cosiddetto DDL “Buona Scuola”, nonostante esso sia attualmente ancora in discussione in Parlamento e non sia stata promulgata alcuna normativa che chieda alle scuole di mettere questi temi all’ordine del giorno dei propri collegi.

Peraltro, la vergognosa Circolare inviata dal MIUR agli Uffici  Scolasti Regionali, perché convocassero d’urgenza Collegi Docenti e Consigli di Istituto per definire l’organico potenziato,  previsto dal DDL, è stata ritirata.

USB ha già inviato richieste di chiarimenti e diffide ai dirigenti scolastici dell’istituto Kandinsky di Milano, del Liceo Falcone Borsellino di Arese (MI) e dell’istituto Falck di Sesto San Giovanni (MI) e lo stesso farà nei confronti di tutti gli altri Dirigenti che continuassero a portare avanti azioni evidentemente illegittime, perché chiaramente eventuali proposte di delibera in merito all’applicazione di contenuti inerenti il Disegno di Legge in discussione in Parlamento e dunque non ancora Legge dello Stato italiano e per il quale, peraltro, la preposta Commissione al Senato ha dato parere negativo rispetto alla sua Costituzionalità, rappresentano una forzatura inaccettabile e una risposta inaccoglibile alle proteste dei lavoratori della scuola, che hanno portato in piazza la grande maggioranza di docenti e ATA e hanno visto un’adesione allo sciopero degli scrutini, appena conclusosi in Lombardia, anche in questo caso dell’80%.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur