Sui ricorsi degli ITP al concorso per abilitati regna il caos. Lettera

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Inviato da Luca Gallo- Tra ammessi e riammessi con riserva, tra esclusi e depennati dopo aver svolto l’ orale, altri miracolosamente rimasti in graduatoria, la situazione dei ricorsisti è avvolta nel caos, con altri migliaia di ricorsisti pronti a sostenere nuove prove suppletive.

Ad esempio  per la classe di concorso B011 gli abilitati in tutta Italia rimasti sono 43, quindi un paio di persone per ogni regione, bastava riaprire le GAE per stabilizzare in un lampo gente che da una vita svolge supplenze, persone ricordo abilitate dallo stato italiano e che aspettano ancora l agognato ruolo, messo a rischio dalla prossima decisione della corte costituzionale sulla legittimità di questo concorso.
Ultima perla da parte del MIUR è la scelta dell’ ambito  a metà anno scolastico sui posti residui del contingente 2017-18; con l’ introduzione di quota 100 saranno tantissimi i docenti ad andare in pensione dal prossimo 1 settembre, che senso ha scegliere adesso l’ ambito se tra un po le disponibilità saranno molte di più, con la possibilità di scegliere un ambito più confacente alla propria situazione familiare, anche perchè il FIT comincerà comunque il 1 settembre 2019! Insomma il solito caos tutto italiano..

Versione stampabile
anief
soloformazione