Successo della manifestazione unitaria del mondo della scuola

Di
Stampa

inviato da Autoconvocatiscuoleroma – Il 15 luglio 2014 si è svolta una mobilitazione di lavoratori della scuola, precari, studenti, genitori con la presenza di diverse organizzazioni sindacali. Centinaia di persone hanno presidiato la Piazza di Montecitorio svolgendo una partecipata Assemblea in cui sono stati ribaditi i molteplici motivi per cui la stessa manifestazione è stata convocata:

inviato da Autoconvocatiscuoleroma – Il 15 luglio 2014 si è svolta una mobilitazione di lavoratori della scuola, precari, studenti, genitori con la presenza di diverse organizzazioni sindacali. Centinaia di persone hanno presidiato la Piazza di Montecitorio svolgendo una partecipata Assemblea in cui sono stati ribaditi i molteplici motivi per cui la stessa manifestazione è stata convocata:

NO a qualsiasi aumento dell’orario di lavoro che da una parte peggiorerebbe la qualità e la dignità dell’insegnamento e dall’altra comporterebbe il “licenziamento” di decine di migliaia di precari;

NO al taglio di un anno del percorso scolastico;

SÌ a sostanziali aumenti dello stipendio;

SÌ all’assunzione dei precari sugli oltre centomila posti vacanti.

Mentre si svolgeva la riunione, è giunta comunicazione che, nella giornata di oggi, il Governo, dinanzi alle importanti manifestazioni di dissenso di questi giorni, non ha messo all’ordine del giorno del Consiglio dei Ministri, il Disegno di Legge sulla scuola.

Le centinaia di manifestanti dopo l’Assemblea hanno chiesto di poter andare in corteo al Senato dove era in atto un Presidio contro la riforma dello stesso.

Le forze dell’ordine hanno, a questo punto, circondato il corteo ed hanno ripetutamente impedito ogni possibile manifestazione di dissenso, sequestrando centinaia di persone e dimostrando, in tal modo, la non volontà di dialogo del Governo sul capitolo scuola. La manifestazione ha, comunque, raggiunto in ordine sparso il Senato evitando le provocazioni e si è, di nuovo, riunita in Assemblea ribadendo le proprie ferme convinzioni:

Vigilare quest’estate affinché il decreto scuola non venga presentato;

Organizzarsi dal primo settembre con assemblee in tutte le scuole per uno sciopero unitario della categoria.

Autoconvocatiscuola, Coordinamento Precari Scuola, Coordinamento Scuole di Roma

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur