Su precari Gelmini ascolti sindacati invece di azzeccagarbugli

di
ipsef

Dichiarazione di Francesca Puglisi Responsabile Scuola segreteria Pd – Il ministro Gelmini -totalmente succube, e perfino colpevolmente ignara, delle decisioni del ministro Tremonti che, come dimostra il DEF, intende risanare lo Stato a spese della scuola pubblica- per una volta ascolti le richieste che arrivano in modo unitario dai sindacati della scuola e dall’opposizione e apra un tavolo di confronto politico.

Dichiarazione di Francesca Puglisi Responsabile Scuola segreteria Pd – Il ministro Gelmini -totalmente succube, e perfino colpevolmente ignara, delle decisioni del ministro Tremonti che, come dimostra il DEF, intende risanare lo Stato a spese della scuola pubblica- per una volta ascolti le richieste che arrivano in modo unitario dai sindacati della scuola e dall’opposizione e apra un tavolo di confronto politico.

Il Partito Democratico ribadisce le proprie proposte: eliminare la terza tranche di tagli prevista per il prossimo anno (19.700 docenti e 14.500 personale ATA), se non si vuol far sparire definitivamente il tempo pieno dalla primaria e far vivere gli studenti delle superiori in classi sovraffollate oltre ogni limite di legge; stabilizzare tutti coloro che stanno lavorando su posti vacanti, per garantire la necessaria continuità didattica, che è grande parte della qualità della scuola; definire un organico funzionale al piano dell’offerta formativa delle scuole.

Il Governo impegni le proprie intelligenze a realizzare questo, piuttosto che trovare rimedi da azzeccagarbugli per aggirare le normative europee cancellando, solo per i lavoratori della scuola, il limite del triennio come vincolo delle stabilizzazioni dei contratti di lavoro.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione