Stupro Palermo, le parole choc del comandante dei vigili urbani: “Insegnate alle vostre figlie a non scimmiottare i maschi e a non ubriacarsi”

WhatsApp
Telegram

La capacità di alcune parole di scatenare tempeste, specie quando sono pronunciate da persone in posizioni di responsabilità, è dimostrata ancora una volta da Massimiliano Orrù, comandante della Polizia Municipale di San Gavino Monreale.

La sua risposta al delicato caso dello stupro di gruppo avvenuto a Palermo il 7 luglio scorso, dove una ragazza di soli 19 anni è stata vittima, ha sollevato una forte indignazione, non solo tra gli utenti dei social.

Il quotidiano L’Unione Sarda ha citato il post di Orrù su Facebook in cui suggerisce: “Insegnate alle vostre figlie a non scimmiottare i maschi e a non ubriacarsi“. Non contento, ha aggiunto: “A noi maschi fa bene ogni tanto… a voi invece malissimo. Restate donne e non cercate di fare gli uomini… Siete femmine e non maschi”.

Queste parole hanno un chiaro sapore di colpevolizzazione della vittima, una tendenza ormai purtroppo troppo frequente in casi simili. Non appena le affermazioni hanno iniziato a diffondersi, Orrù ha tentato di eliminare il post, ma il danno era fatto. Numerosi utenti avevano già catturato e condiviso lo screenshot, esprimendo il loro disgusto e orrore.

Carlo Tommasi, sindaco di San Gavino Monreale, non ha perso tempo nel prendere le distanze da tali dichiarazioni. Il primo cittadino ha sottolineato l’impegno dell’amministrazione nella difesa dei diritti di tutti, in particolare delle donne, e ha criticato le parole del comandante, affermando che potrebbero danneggiare l’immagine dell’ente che rappresenta.

WhatsApp
Telegram

Concorso docenti 2024/25, bando a novembre: cosa studiare e come prepararsi. Webinar Eurosofia di presentazione il 26 luglio ore 17.00