Studio lingua italiana in Francia, appello per fermarne il declino

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Jean-Luc Nardone, professore a Tolosa e presidente degli italianisti francesi, ha lanciato un appello a difesa della lingua italiana, tramite un documento firmato da intellettuali sia francesi che italiani. 

Perché l’appello? Per difendere l’insegnamento della lingua italiana nelle scuole francesi, ove sembra ormai essere in declino, come riferisce Il Corriere.it

La scarsa considerazione dell’Italiano è dimostrata dai pochi posti messi a concorso:

Per il canale dell’Agrégation, che consente di insegnare nei licei, i posti si sono dimezzati e per il 2019 sono soltanto cinque. 

Per il Capes (sigla che sta per certificato di attitudine al professorato per l’insegnamento di secondo grado), che abilita alla docenza nelle scuole medie, si è passati da 28 a 16, mentre i posti, ricorda il documento, «erano ancora 35 nel 2016, 2015, 2014, e 64 nel 2013. 

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione