Studiare la Geografia per capire il mondo, compreso il consumismo. Lettera

Stampa
ex

Inviato da Ilaria Francalanci – Quest’anno ho scelto di insegnare geografia presso gli Istituti Tecnici e Professionali in cui vi è quella striminzita, randagia ora di geografia immessa dall’ex Ministro Carrozza.

Diciotto classi con un’ora di geografia, collocata nelle classi seconde, senza erede e senza eredità.

Alle porte del mese di Maggio, posso affermare con un certo vigore che è svilente vedere una disciplina come quella geografica , orfana e derisa… una sorta di bullismo scolastico che vede nella geografia la vittima prescelta.

Eppure la Geografia è l’unica materia che spiega e potrebbe spiegare il mondo attuale alle nuove generazioni, a quelle che, diciamolo, contano, conteranno e faranno i conti con questa economia traballante, con questo ecosistema malmesso e che già vivono, anche in classe, un melting pot tutto nostrano e domestico,

E se l’ex Ministro Carrozza, in illo tempore, tentò di portarla al ballo dell’ Istruzione, la Geografia è divenuta zucca ancor prima di arrivare alla Grande Festa dei Saperi istituzionalizzati e mentre si parla (ancora una volta) della necessità di incrementare le ore di geografia presso i nostri istituti scolastici di secondo grado, i miei alunni tra 5 lezioni saluteranno questa disciplina e non la rivedranno più, vittime di un’istruzione che consuma una disciplina come la geografia che spiega, tra le tante cose, anche il consumismo.

Stampa

Il nuovo programma di supporto gratuito Trinity per docenti di lingua inglese