“Studiare? Il mio più grande errore. A 27 anni sono una cameriera stagionale”. Lo sfogo di una ragazza fa discutere

WhatsApp
Telegram

La storia di una ragazza di 27 anni, laureata in legge, giunge alla redazione di Fanpage.it come un grido di dolore e frustrazione. Dopo anni di sacrifici nello studio e la conquista di un titolo con il massimo dei voti, la realtà lavorativa si è rivelata ben diversa dalle aspettative.

La sua esperienza nel mondo degli studi legali, tra stage non retribuiti, mancanza di tutele e diritti, si è conclusa con un licenziamento improvviso e senza spiegazioni. Ora, come cameriera stagionale, trascorre le sue giornate tra turni di 12 ore, stanchezza fisica e l’odore persistente di cucina.

Un percorso di disillusioni

La giovane racconta il suo percorso accademico, intrapreso con entusiasmo e dedizione, credendo che lo studio le avrebbe garantito un futuro migliore. Durante l’università, si è impegnata in diverse attività lavorative per sostenersi, convinta che la sua determinazione l’avrebbe portata lontano.

Purtroppo, la realtà del praticantato legale si è rivelata ben diversa. In tre studi legali, di cui due a Milano, ha sperimentato la mancanza di tutele, l’assenza di uno stipendio e un ambiente lavorativo precario. L’esperienza si è conclusa con un licenziamento improvviso e umiliante, lasciandola senza lavoro e con il cuore spezzato.

La ricerca di un lavoro che non arriva

Nonostante la laurea e l’impegno profuso, la ricerca di un nuovo impiego si è rivelata un’impresa ardua. Le porte delle aziende si sono chiuse, con la motivazione del profilo non in linea o della selezione di altri candidati. Anche gli studi legali, inizialmente entusiasti, sono scomparsi nel nulla.

La giovane si è rivolta ad agenzie di somministrazione, head hunter, adattandosi a lavori diversi da quello per cui aveva studiato e lottato. Ora, come cameriera stagionale, vive la frustrazione di un sogno infranto e la consapevolezza che la fortuna spesso vale più di una laurea.

Un sistema che non funziona

La sua storia è un esempio di un sistema che non funziona, dove anni di studio e sacrifici non garantiscono un futuro stabile e dignitoso. La giovane si interroga sul valore degli studi, sul peso di una laurea che sembra non avere più valore. La sua testimonianza è un grido di allarme, un invito a riflettere sulla condizione dei giovani laureati e sulla necessità di un cambiamento nel sistema lavorativo.

WhatsApp
Telegram

Percorsi abilitanti riapertura straordinaria 60 cfu. Scadenza adesioni 24 giugno. Contatta Eurosofia