Studenti stressati, Valditara invita alla fiducia: “Tornerà la serenità con il docente tutor”

WhatsApp
Telegram

“Nella scuola deve tornare la serenità, e in questo senso va la rivoluzione della personalizzazione dell’insegnamento, con il docente tutor che sarà formato in modo particolare sotto il profilo psico-pedagogico”.

Così il ministro dell’Istruzione e del merito, Giuseppe Valditara, replicando, a margine della sua visita al Salone del Mobile di Milano, a chi gli chiedeva di quello che sta accadendo in alcuni licei italiani, come il Manzoni di Milano, dove gli studenti si sono detti stressati e angosciati da una scuola troppo competitiva, con professori poco empatici.

Agli studenti che si sentono sotto stress, il ministro consiglia di “avere fiducia”.

Io – evidenzia – credo nel ritorno a una grande alleanza fra studenti, docenti, famiglie e parti sociali per la scuola italiana e all’idea di una scuola che sia sicura – abbiamo investito tante risorse per sicurezza degli edifici – ma anche una scuola dove si respiri un clima di grande serenità, a iniziare dalla maturità”.

Il tutor – ha rimarcato Valditara – si occuperà dei singoli ragazzi e di coordinare con gli altri colleghi la personalizzazione della formazione, quindi anche di quei ragazzi che hanno bisogno di recuperare perché magari sono più indietro nel processo formativo o di quelli che si annoiano perché sono molto avanti”.

Quindi ha aggiunto: “La mia idea è quella di una scuola che valorizzi i talenti di ciascuno: questa è la scuola del merito, non una scuola elitaria, non una scuola aristocratica dei migliori ma una scuola che valorizzi i talenti di ciascuno e che personalizzi sempre più la formazione e in cui ci si faccia carico dei problemi e anche del disagio di ogni ragazzo”.

La scuola causa crolli emotivi a 7 studenti su 10, “aumentano casi di depressione e autolesionismo”. Cosa fare? Ne parliamo con la psicologa Rosa Cappelluccio

WhatsApp
Telegram

Percorsi abilitanti 30-60 CFU, apertura straordinaria e full immersion nel mese di luglio. Contatta Eurosofia