Studenti spengono luci e lanciano sedie a docente, al via indagini per trovare colpevoli

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Un fatto gravissimo di aggressione ad una docente di 55 anni aggredita dagli studenti di un istituto superiore in provincia di Monza. Sul fatto è intervenuto lo stesso Ministro Bussetti.

I fatti

Una docente dell’istituto superiore Floriani di Vimercate è stata aggredita da alcuni studenti durante la lezione. Mentre la docente stava scrivendo alla lavagna, è partita un’azione combinata.

Alcuni studenti hanno spento le luci della classe, mentre altri scagliavano sedie contro la docente. Un fatto gravissimo che ha causato una prognosi di 6 giorni alla docente che è dovuta ricorrere a cure mediche ed ha sporto denuncia.

L’intervento del Ministro

Ieri, il Ministro Bussetti è intervenuto sulla faccenda attraverso la sua pagina FaceBook. “Fatto grave ed intollerabile” ha scritto.

“Si tratta – ha continuato – di una vicenda grave rispetto alla quale agiremo con la dovuta fermezza. Ho contattato l’insegnante coinvolta per esprimerle personalmente la mia solidarietà.” Ed ha promesso di che il Ministero si costituirà parte civile nel caso ci fossero le condizioni.

Al via le indagini

Nel frattempo sono partite le indagini interne alla scuola. Il dirigente ha garantito che “I responsabili saranno sospesi e avviati a un percorso di volontariato, come è nello spirito della nostra scuola. Qualora non identificati, il consiglio di classe valuterà eventuali provvedimenti per tutti gli studenti”.

Oggi partiranno i primi incontri per individuare i colpevoli. Le fasi saranno due: nella prima ci sarà un incontro tra docenti, studenti e famiglie, mentre la seconda fase vedrà i docenti dover prendere i provvedimenti disciplinari.

Le indagini sono state avviate anche dai Carabinieri. Gli studenti, di una classe del terzo anno, spiega il comandante della compagnia dei carabinieri di Vimercate, Antonio Stanizzi, sono in un età compresa tra i 15 e i 18 anni. I carabinieri stanno indagando per capire chi siano esattamente gli autori del gesto in un istituto dove, poco tempo fa, avevano tenuto un incontro sulla legalità.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione