Studenti sospesi per 30 giorni con obbligo di lavori utili. I genitori contestano: “La misura non era inclusa nel regolamento scolastico”. La vicenda finisce in tribunale

WhatsApp
Telegram

In un liceo di Pistoia, una storia di bullismo che affonda le sue radici nel 2019 torna a far discutere. Il caso è quello di una studentessa vittima di un atto umiliante, immortalato dagli smartphone dei compagni di scuola.

Ma è la risposta dell’istituto a sollevare nuove polemiche, tra misure disciplinari contestate e accuse rivolte alla dirigenza.

Secondo quanto riportato da La Nazione, il liceo ha adottato sanzioni contro due studenti, sospesi per 30 giorni con obbligo di lavori utili. Questa punizione è stata subito contestata dai genitori, che hanno sollevato dubbi sulla sua legittimità, sottolineando che la misura non era inclusa nel regolamento iniziale della scuola.

Un processo è ora in corso contro l’ex dirigente del liceo e la sua vicaria, accusate di falso in atto pubblico. La preside è anche imputata per diffamazione e violazione del segreto di ufficio. La contestazione verte sulla modifica al “Regolamento disciplinare” all’interno del Ptof (Piano Triennale dell’Offerta Formativa), apportata dopo l’emissione delle sanzioni.

Durante il processo, è emerso che tale modifica è stata confermata anche dall’amministratore del sito del liceo, mentre il consulente informatico della procura e altri testi hanno sottolineato la discrepanza tra la versione originale e quella modificata del regolamento.

Se da una parte l’avvocato della preside sostiene che la misura era già stata discussa e approvata in precedenza, i verbali cartacei sembrano supportare questa tesi. Ma la questione rimane aperta e il processo riprenderà il 24 ottobre.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri