Visualizza versione mobile
Martedì, 21 Agosto 2018
mnemosine
SERVIZI
anief
SPECIALI ESPANDI

Studenti senza cellulare per tre giorni in un bosco. L’esperimento riuscito di una scolaresca

di Elisabetta Tonni
ipsef

item-thumbnail

Stare senza telefono cellulare si può. L’astinenza può durare senza crisi per più giorni, anche se si tratta di adolescenti.

A dimostrarlo sono stati cinquanta studenti adolescenti in gita scolastica. E’ successo a Savona e la notizia si è conquistata l’attenzione del Fatto Quotidiano.

Come è nata la sfida

A lanciare la provocazione è stato il preside del Liceo che senza togliere il dispositivo elettronico ai ragazzi ha organizzato la loro permanenza per 72 ore in un bosco, un luogo che si prestava all’ascolto della natura e dell’essere.

L’assenza di qualsiasi segnale ha reso ‘inoffensivi’ tutti gli strumenti di comunicazione del telefonino, dai social a quelli tradizionali (telefonate). Il  compito dei ragazzi era quello di orienteering, sia geograficamente che a livello relazionale. I ragazzi hanno superato a gran voti questo esame.

Dipendenza dal cellulare, colpa dei genitori

 “I ragazzi – spiega il preside – erano presi dall’attività proposta. Questo dimostra che non è vero che chiedono il cellulare fin dai primi anni della scuola dell’infanzia ma siamo noi adulti che li condizioniamo. Se riuscissimo a creare delle comunità con un’alternativa, con un’interazione più vera potremmo fare molto di più nell’ambito educativo”.Benefici sarebbero stati registrati anche a livello di attività fisica. “Da anni l’educazione fisica non si fa più solo in palestra. Questa iniziativa – ha concluso il preside – associa la conoscenza del territorio al capire come orientarsi in un posto senza la tecnologia, senza il cellulare. I cosiddetti nativi digitali hanno sviluppato competenze che sfuggono alla nostra generazione ma dal punto di vista della relazione è venuto a mancare qualcosa. Volevo far vivere loro un’esperienza tipo quella dei boy scout e ci siamo riusciti grazie anche alla disponibilità dei genitori e dei professori”.
I ragazzi pare abbiano apprezzato l’esperimento, convincendosi che si può stare senza chat, foto e condivisioni. Il dirigente scolastico spera di poter arrivare ad avere aule prive di campo.

 

Versione stampabile
anief anief
soloformazione

In evidenza

item-thumbnailCon i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia

Argomenti

RSS Chiedilo a Lalla

RSS Ultime dal forum