Studenti seguono comizio di Salvini a Catania, scoppia la polemica. Dirigente: “Mi hanno seguito in modo libero e volontario”

WhatsApp
Telegram

Preside si candida con la Lega alle elezioni e al comizio di Matteo Salvini vanno anche alcuni studenti con la divisa dell’istituto. È accaduto a Catania venerdì scorso e scoppia la polemica.

La dirigente si difende, come riporta l’ANSA, “una ventina di studenti curiosi che ha deciso di starmi vicina, su 500 che frequentano” la scuola.

“Sono 40 anni che sono nel mondo della scuola – continua – e non avrei mai fatto la ‘bestialità’ di costringere qualcuno, perché sarebbe stata una ‘bestialità’. Non ho mai fatto politica a scuola, e continuerò a non farla”.

“Avevano tutti la maglietta della scuola – spiega la Dirigente – perché sono venuti dopo la fine delle lezioni. Erano tutti maggiorenni e liberi. E non erano del Nautico, ma dell’Accademy, un corso post diploma, a cui sono iscritti studenti da tutta Italia, la stragrande maggioranza dei quali non vota in Sicilia e quindi non può votarmi. Siamo in un Paese democratico? È consentita in Italia un’adesione spontanea, volontaria e libera a una manifestazione pubblica? Se sì, allora non capisco certe polemiche strumentali. Ma sono pronta a valutare le opportune iniziative con il mio avvocato”.

Sulla vicenda Unione Popolare ha chiesto un’ ispezione ministeriale immediata per verificare questi comportamenti: “Il comportamento della dirigente, candidata leghista, che recluta diversi suoi studenti per il comizio di Salvini, non può rimanere senza conseguenze – dichiara Luca Cangemi -. Non possiamo non notare come la dirigente sia il prototipo del preside manager che considera la scuola una propria impresa e non una istituzione pubblica”.

WhatsApp
Telegram

Eurosofia. Hai ottenuto il ruolo? Il 28 settembre segui il webinar gratuito: “Neo immessi in ruolo: cosa c’è da sapere per superare l’anno di prova”