Studenti prosumer! Per una Didattica Digitale efficace e integrata con iSpring

WhatsApp
Telegram

Luca Piergiovanni, insegnante di lettere ed esperto nelle tecnologie dell’apprendimentо –

Le app educational possono migliorare l’apprendimento degli studenti se inserite in attività pianificate secondo determinate metodologie e se scelte seguendo precisi modelli didattici, come SAMR e Tassonomia di Bloom.

La Ruota Padagogica, con app sia Android che iOS, ovvero una ruota che classifica le app secondo le attività da portare in classe e le competenze da sviluppare nei nostri studenti, supporta queste scelte, così come la classificazione che ho elaborato in questa mappa, dove le app sono suddivise secondo le richieste rivolte da sempre ai nostri alunni: scrivere, leggere, prendere appunti, disegnare, fino a quelle tecnicamente più complesse come editare foto, audio, video, costruire eBook e creare narrazioni in digital storytelling.

Nella mia pratica quotidiana utilizzo le app in tre modi diversi:

  • come archivio di materiali di studio per arricchire la lezione in presenza. È sufficiente una connessione e un link al cloud di risorse per attingervi in qualsiasi momento e lanciare così in classe un video, un quiz o qualsiasi altro contenuto.
  • per creare pacchetti di lezioni multicanali, di ripasso, di approfondimento, di engage, per la visione a casa da parte dei ragazzi.
  • per trasformare i miei alunni in prosumer, ovvero ideatori di contenuti e non più consumatori passivi. Ciascuno di loro ha un proprio account nelle varie app con cui realizza lezioni da presentare alla classe, secondo un format prestabilito e un sistema di valutazione costituito da tre passaggi: autovalutazione dello studente, valutazione da parte dei compagni, valutazione dell’insegnante.

Vi presento di seguito alcune delle numerose app di cui faccio uso nel mio insegnamento.

iSpring Suite Max è una soluzione facilissima per la creazione dei corsi. Il suo punto forte è che puoi creare una lezione veramente in pochi minuti. Si basa su PowerPoint e puoi produrre quiz, simulazioni di dialoghi e videolezioni. Hai la libreria di contenuti: oltre 68.000 risorse, template e personaggi. La cosa importante: hai uno spazio in cloud per collaborare ai corsi online con i tuoi studenti. È compatibile con qualsiasi piattaforma di eLearning (LMS), ma iSpring ha una propria piattaforma iSpring Learn, che permette di controllare il processo di studio di tutti gli studenti.

Tes TeachBlendspace permette di creare percorsi multicanali in un piano di lavoro dall’aspetto geometrico, con una serie di box disposti in sequenza, dove inseriremo risorse di ogni tipo (audio/video, testi scritti, link, ecc), attingendo a una gran quantità di fonti, tra cui Google, YouTube, il proprio dispositivo, cloud come Dropbox o Drive.

Con EDpuzzle realizziamo video arricchiti da domande e note vocali. Dopo aver scelto il video che fa al caso nostro in canali come YouTube Edu, KhanAcademy, TED, National Geographic ed altri, il filmato viene inserito in un piano di editing che presenta tre operazioni: ritagliare le parti che ci interessano, inserire domande in forma vocale, inserire quiz con risposte a scelta multipla, così che la visione non risulti più passiva ma guidata.

Screencast-O-Matic è una web-app che permette di riprendere noi stessi tramite Cam o di registrare tutto quello che accade sullo schermo del nostro dispositivo. Il microfono è integrato o esterno, mentre il puntatore del mouse è messo in evidenza per sottolineare i passaggi mostrati e fare da guida a chi usufruisce del nostro videotutorial.

Con la versione gratuita i video non vanno oltre i 15 minuti di durata, mentre con la versione a pagamento questo limite viene meno, ma soprattutto avremo a disposizione una serie di strumenti di editing per disegnare e zoomare sullo schermo durante la registrazione.

Riflettete sulla possibilità di far registrare ai nostri studenti una serie di videolezioni per i propri compagni in difficoltà nello studio, dando vita a un tutoraggio fra pari dall’alto valore formativo.

Con ThingLink possiamo usufruire di mappe geografiche o storiche, ma anche di infografiche, video e immagini a 360 gradi, che una volta arricchite di link a risorse web creano una narrazione coerente e interessante.

In definitiva, sfruttare le potenzialità delle piattaforme come iSpring Suite Max e di tutte le altre app menzionate, permette di personalizzare gli apprendimenti e di dare vita a un insegnamento efficace.

WhatsApp
Telegram