Studenti PDL contro immissioni in ruolo

Di
WhatsApp
Telegram

red – Ieri, in una nota d’agenzia, le affermazioni del VIS-PDL (Voce dell’Italia Studentesca) contro il concorso a cattedra. I giovani studenti del PDL credono che "di insegnati ve ne siano fin troppi" e non condividono la scelta del Ministro di avviare un concorso per nuove assunzioni.

red – Ieri, in una nota d’agenzia, le affermazioni del VIS-PDL (Voce dell’Italia Studentesca) contro il concorso a cattedra. I giovani studenti del PDL credono che "di insegnati ve ne siano fin troppi" e non condividono la scelta del Ministro di avviare un concorso per nuove assunzioni.

Il nodo cruciale per gli studenti del PDL sta nella spesa pubblica, tallone d’Achille della moderna Italia. Essi ritengono "positivo che vengano regolarizzati tanti precari e quindi diminuisca la disoccupazione nel settore, ma solo se questi nuovi dipendenti pubblici non comportino un ulteriore costo difficilmente sostenibile dalle finanze pubbliche e dal settore dell’Istruzione".

E chedono innanzitutto di realizzare "al più presto quelle promesse importantissime annunciate dal Ministro già da parecchi mesi, questioni come per esempio la digitalizzazione dei libri di testo, la bonifica degli edifici scolastici pericolosi o malfunzionanti"

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito