Lancio monetine contro insegnante, procura apre indagini. Aggiornamento

di Anselmo Penna
ipsef

item-thumbnail

La procura per i minorenni di Brescia indaga sul lancio di monetine da parte di alcuni studenti contro un insegnante. Il fatto accaduto lo scorso Dicembre a Cremona finisce con una indagine ufficiale.

Ricordiamo i fatti: alcuni studenti di un istituto professionale di Cremona, con il solo scopo di impedire di far lezione, hanno tirato monetine addosso ad un insegnante.

L’episodio avrebbe coinvolto inizialmente cinque ragazzini di una classe del biennio.

Il docente ha avvisato il dirigente che ha sospeso i ragazzi per un numero di giorni variabile a seconda delle responsabilità di ciascuno di loro. Uno dei cinque si è poi ritirato dalla scuola. Un altro è rientrato in classe dopo le feste natalizie. Poi l’insegnante ha sporto denuncia.

Adesso la procura di Brescia ha aperto un’inchiesta ufficiale.

La provincia di Cremona, ha intervistato il docente: “non riuscire a fare lezione, non avere la possibilità di svolgere il mio mestiere, essere bersagliato dai ragazzi mi ha spiazzato” ha raccontato l’insegnante.

Dopo il lancio di monetine è uscito dalla classe, “insieme al consiglio di classe e agli organi preposti della scuola ho preso i provvedimenti necessari“. Ovvero “ci sono state delle sospensioni“.

“Ho denunciato l’accaduto – ha spiegato – procederemo per vie legali“. Ora le cose vanno meglio ma “non si può pensare di fare scuola – ha concluso – e ritrovarsi ad andare dalla polizia a fare denuncia“.

Docenti chiedono telecamere in classe per difendersi da atti di bullismo nei loro confronti

Versione stampabile
Argomenti:
soloformazione