Studenti italiani i più ‘vacanzieri’ in Ue d’estate. Ma pochi giorni di riposo durante l’anno. Dati Eurydice

WhatsApp
Telegram

 L'Italia è tra i Paesi Ue con più vacanze estive per le scuole primarie e secondarie, fino a 13 settimane. Meno ferie, invece, durante l'anno scolastico: quelle natalizie nella media europea, ma niente pausa autunnale e pochi giorni di riposo a Pasqua e Carnevale. Lo conferma un rapporto di Eurydice, la rete Ue di informazione sull'istruzione in Europa.

 L'Italia è tra i Paesi Ue con più vacanze estive per le scuole primarie e secondarie, fino a 13 settimane. Meno ferie, invece, durante l'anno scolastico: quelle natalizie nella media europea, ma niente pausa autunnale e pochi giorni di riposo a Pasqua e Carnevale. Lo conferma un rapporto di Eurydice, la rete Ue di informazione sull'istruzione in Europa.

Gli studenti delle scuole primarie e secondarie italiane fanno il pieno di vacanze nei mesi estivi insieme a Portogallo, Lettonia e Lituania. All'estremo opposto ci sono alcuni laender tedeschi, l'Olanda e la Gran Bretagna con solo sei settimane. Tuttavia gli studenti italiani restano meno a casa durante l'anno scolastico. L'Italia è infatti in piena media Ue per quanto riguarda le vacanze di Natale – dai 12 ai 14 giorni – mentre mancano le cosiddette 'vacanze autunnali', ovvero una pausa tra ottobre e novembre di oltre una settimana come in Regno Unito, Francia e Belgio.

Pochi giorni di vacanza, invece, per il Carnevale, da uno a cinque, mentre gli studenti francesi restano a casa circa due settimane, e quelli olandesi e belgi una settimana intera.

Poche vacanze per gli studenti italiani anche a Pasqua, da due a sei giorni, mentre in Francia e Lussemburgo si sta a casa due settimane. Il rapporto evidenzia come in Italia, insieme agli altri Paesi del sud Europa, l'anno scolastico inizi verso la metà di settembre mentre nei Paesi del Nord si va a scuola già a fine agosto.

In Italia sono le autorità regionali a decidere inizio e fine dell'anno scolastico come in Germania, Austria e Spagna. In alcuni stati sono invece i singoli comuni, come in Svezia e Norvegia, mentre in Irlanda e Gran Bretagna sono addirittura le scuole stesse a decidere.

Eurydice rappresenta un network europeo che agevola con i propri studi e raccomandazioni la cooperazione tra 37 Paesi europei, tutti quelli partecipanti al programma Erasmus+ (Paesi Ue, Bosnia Herzegovina, Ex Repubblica di Macedonia, Islanda, Liechtenstein, Montenegro, Norvegia, Serbia, Svizzera e Turchia). La coordinazione del network è affidata a una sezione dell'Agenzia Ue esecutiva per l'istruzione, gli audiovisivi e la cultura (Eacea).

 

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito