Studenti italiani migliorano prove OCSE matematica, non studentesse. Questione culturale, costa un 15%. Carrozza: “investiamo in materie scientifiche”

di redazione
ipsef

red – Si chiama "ansia da matematica" e "affligge" più le studentesse che gli studenti. Da che dipende? Ce lo hanno spiegato vari studi, tra i quali uno dell’Università di Bologna.

red – Si chiama "ansia da matematica" e "affligge" più le studentesse che gli studenti. Da che dipende? Ce lo hanno spiegato vari studi, tra i quali uno dell’Università di Bologna.

Secondo gli studiosi bolognesi, alla base delle difficoltà da parte delle studentesse c’è la mamma. Se, infatti, le mamme sono convinte della bravura delle proprie figlie, queste hanno risultati migliori.

Da dove nasce questo fenomeno?

Il punto di partenza è il classico stereotipo secondo cui i maschi sono più portati per la matematica, mentre le femmine per le materie letterarie e artistiche.

Uno stereotipo che incide del 15% sulle prestazioni delle giovani studentesse. La causa è legata allo stress per l’ansia di sbagliare a seguito della convinzione, assimilata dalla madre (il giudizio del padre pare non abbia alcuna influenza), che la matematica non è "roba da femmine". Ciò causa una difficoltà nella concentrazione ed una tendenza a fare più errori.

Sarà questo strano fenomeno alla base dei risultati OCSE-Pisa divulgati l’altro ieri?

Il Ministro, da canto suo, lancia una campagna (percorso obbligato) per affrontare l’emergenza matematica in Italia, promettendo investimenti. “Mi auguro che noi possiamo migliorare le nostre prestazioni in matematica. Dobbiamo investire sulle materie scientifiche. Dobbiamo aggiornare i professori e intensificare i programmi”, ha detto il ministro.

Se l’Università di Bologna avesse ragione, forse sarebbe più opportuna una campagna culturale, per recuperare quel 15% che ci farebbe comodo per scalare la graduatoria alle prossime prove OCSE-Pisa

OCSE Pisa 2012, i primi dati. L’Italia migliora in matematica, lievemente. Indietro ancora le aree di segregazione socio-economica

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione